Stanchina contro la filiera agroalimentare trentina. Nell’ultima serata di consiglio comunale dedicato alle misure per la ripresa dalla fase emergenziale COVID, il gruppo Lega ha portato anche un documento dedicato al sostegno alla filiera agroalimentare trentina, un settore che merita il massimo sostegno soprattutto in questo momento di delicata ripartenza dei settori economici e della ristorazione.

Il documento chiedeva al consiglio il seguente impegno per la Giunta:

  1. di raccordarsi con la campagna promozionale che la Provincia autonoma di Trento ha già attivato e sta implementando, volta alla valorizzazione dei prodotti della filiera agroalimentare trentina e a sensibilizzare i cittadini rispetto al loro acquisto;
  2. di favorire la presenza delle aziende agroalimentari locali in tutte le sedi di confronto per le politiche di sviluppo del territorio comunale;
  3. di stimolare le attività di ristorazione, anche collettiva (mense), presenti sul territorio comunale affinché offrano ai loro utenti prodotti della filiera agroalimentare trentina.

La richiesta mirava al coinvolgimento di tutte le realtà produttive e della filiera alimentare per la massima promozione del loro settore a 360 gradi sul territorio comunale; come componente anche della commissione agricoltura della Camera sono consapevole della delicatezza del settore e della necessità che in questo momento la filiera riceva più che mai il massimo supporto da ogni livello istituzionale.

Su dichiarazione dell’assessore Stanchina, la Giunta era favorevole al documento in toto; al termine del dibattito tuttavia, dopo gli interventi paradossali di alcuni consiglieri, lo stesso assessore non solo ha dichiarato la propria contrarietà al documento, ma ha anzi “esortato l’aula” a votare in forma contraria, richiesta del tutto antidemocratica, anche perché senza motivazioni a supporto.

Seguendo il sindaco (a fine mandato e non rieleggibile), la maggioranza dei consiglieri si è astenuta dal voto e così il documento non è stato approvato, dimostrando come per motivi personali di un assessore si è disposti a bloccare il confronto con le categorie del mondo agricolo, necessario per poter dare le risposte che necessitano.

 

*

Martina Loss

Gruppo consiliare Lega Nord Trentino

 

 

 

mozione_5_1202_202