Torna da domani, martedì 25 febbraio in diretta e in prima serata, l’appuntamento con “Le Iene Show” condotto da Alessia Marcuzzi e Nicola Savino, con la Gialappa’s Band.

Per la prima volta in 24 anni di storia del programma, lo show andrà in onda senza pubblico in studio: la decisione è stata presa per le puntate di domani e per quella di giovedì 27 febbraio, per adeguarsi alle indicazioni di contenimento della diffusione del coronavirus.

Tre servizi sono dedicati all’emergenza di questi giorni:

Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli mostrano l’incontro avvenuto con gli italiani, originari di Modena, ritornati a casa da Wuhan e usciti da poco dalla quarantena presso l’ospedale della Cecchignola di Roma.

Ismaele La Vardera racconta la storia di una nostra connazionale, originaria di Catania, tornata dalla Cina con un volo atterrato in una città diversa da quella in cui erano stati chiusi gli scali. L’inviato l’ha accompagnata al Policlinico di Catania per capire quali siano le procedure adottate dal distretto sanitario in caso di eventuale contagio.

Il terzo servizio è un ritratto di come i media e i maggiori quotidiani del mondo stiano illustrando quello che sta succedendo in Italia a causa del coronavirus.

Tra gli altri servizi:
Continua l’inchiesta di Gaetano Pecoraro con nuovi particolari sul caso Antoci e su come sarebbe stato trattato dalla commissione antimafia della regione Sicilia.

Alle ore 20.45 la nuova fascia “Iene.it: aspettando Le Iene” di Giulia Innocenzi, in diretta Facebook sulla pagina de Le Iene, su Iene.it e su Mediasetplay. L’infettivologo Matteo Bassetti e il filosofo Stefano Bonaga risponderanno alle domande sul coronavirus raccolte dalla rete.
Il programma può essere seguito in streaming, anche all’estero, su www.iene.it.

In seconda serata, sempre su Italia 1 dopo “Le Iene Show”, andrà in onda “Angelo Duro – Perché mi stai guardando?”, lo spettacolo che ha registrato enorme successo di critica e di pubblico. Dopo il sold out in tutta Italia, Angelo porta sul piccolo schermo lo show registrato al Teatro Manzoni di Milano. Tre appuntamenti televisivi, in cui, da solo sul palco, racconterà la sua storia, parlando di tutto e di tutti, di sé e dei suoi cari, della realtà di ieri e di oggi. E lo farà in modo dissacrante e diretto.