VIDEONEWS & sponsored

(in )

ISTITUTO CATTANEO * AMMINISTRATIVE 2018: ” CONTINUA L’ASCESA DEL CENTRODESTRA, PD SCONFITTO NELLE ROCCAFORTI DEL CENTRO-NORD, M5S LIMITA LE PERDITE AL SUD “

Amministrative 2018: bilancio post-ballottaggi. Continua l’ascesa del centrodestra. Pd sconfitto nelle roccaforti del centro-nord, limita le p.erdite al Sud M5s macchina da ballottaggio ma solo contro il centrosinistra.

A urne chiuse, con i ballottaggi che hanno dato i loro responsi, è possibile offrire un’interpretazione generale su questa tornata di elezioni amministrative, analizzando in particolare la capacità dei principali schieramenti di “conquistare” nuove amministrazioni comunali oppure conservare quelle nelle quali era già al governo. A tal fine, l’Istituto Cattaneo ha analizzato i risultati dei ballottaggi nei 76 comuni tornati al voto nel secondo turno, per individuare le eventuali trasformazioni nei rapporti di forza tra i principali schieramenti politici.

Il quadro dei ballottaggi 2018: vincitori e vinti

Il primo dato che analizziamo si riferisce al numero di comuni controllati dai partiti politici (o dalle coalizioni) prima e dopo il voto di domenica 24 giugno, nei soli comuni che hanno preso parte al turno di ballottaggio. Come mostra la tabella 1, il centrosinistra – nelle sue varie composizioni e combinazioni – controllava 43 comuni su 76, pari al 56,6% del totale, mentre oggi ne controlla soltanto 27. In termini percentuali, i comuni controllati dal centrosinistra sono passati dal 56,6% al 35,5%, con un calo di 21,1 punti sul totale dei casi esaminati. Sono cresciuti sensibilmente, invece, i comuni amministrati dal centrodestra: erano 21 prima delle elezioni e oggi sono 33 (con una crescita, in termini percentuali, di quasi 20 punti).

Anche le liste civiche, o indipendenti, hanno aumentato il numero di comuni amministrati, passando da 7 a 11, e cioè dal 9,2% al 14,5%. Infine, il M5s nei comuni al ballottaggio registra un bilancio in sostanziale pareggio: 5 erano i comuni amministrati prima del voto di domenica e 5 sono rimasti anche dopo.

 

 

Questo quadro dei ballottaggi mostra chiaramente che l’unica forza politica con un bilancio in perdita nei comuni esaminati è il centrosinistra. Se tra le città al ballottaggio prima del voto era il centrosinistra ad amministrare la maggioranza dei comuni, oggi è il centrodestra l’attore dominante.