VIDEONEWS & sponsored

(in )

GUGLIELMI (FASSA) * SERVIZIO PUBBLICO RAI: « OGGI AL TG1 DELLE 13.30 LA DIRETTA DA CANAZEI È STATA PIÙ CHE INFORMAZIONE UNA BASTONATA AD UN TERRITORIO CHE VIVE DI TURISMO »

Premesso che in data odierna, 25 aprile 2020, durante la trasmissione del telegiornale del canale RAI1 delle ore 13.30 è andato in onda un servizio sulla situazione della pandemia Covid19 con tanto di diretta da piazza Marconi, Comune di Canazei/Comun de Cianacei. Più che informazione (peraltro pubblica?!?!?) è stata una bastonata ad un territorio, a un paese e a una Valle che vive di turismo e sta guardando con motivazione alla prossima stagione estiva ed in generale al futuro.

Considerato che all’interno del servizio vengono fornite dalla giornalista informazioni sulla situazione predetta, generiche e riferibili a tutto l’ambito provinciale se non addirittura regionale, trasmettendo però quasi esclusivamente le immagini del Comune di Canazei/Comun de Cianacei.

Preso atto che tale montaggio riporti senza ombra di dubbio l’attenzione del telespettatore esclusivamente sul Comune detto sopra, con un danno d’immagine anche futura, anche turistica non di poco conto.

Tenuto conto che la situazione nel Comune di Canazei/Comun de Cianacei, dopo gli elevati numeri di contagi di ormai 50 giorni fa è non soltanto stazionaria ma vicina alla conosciuta normalità, e che la percentuale contagi/popolazione come in altre realtà che da sempre vivono di turismo è da calare proprio nel contesto socio/economico senza peraltro demonizzarlo.

Ribadendo che rispetto ad altre realtà provinciali, l’Apsp/Cèsa de paussa di San Giovanni di Fassa/Sèn Jan de Fascia non conta, orgogliosamente e fortunatamente, alcun degente contagiato dal virus.

Sottolineato che le dichiarazioni della giornalista sono del tutto fuori luogo quando questa dichiara che ad oggi, 25 aprile, l’emergenza Covid lascia le strade e il paese completamente deserto rispetto agli altri anni. Quando è storicamente risaputo che in questo periodo, nelle località di cui sopra, la situazione sia normalmente, dal punto di vista turistico, desolata. In gergo: fuori-stagione.

Ravvisata la necessità di ristabilire, anche turisticamente, la posizione del Comune di Canazei/Comun de Cianacei e della Val di Fassa intera, colpita soprattutto da fake-news e messaggi mediatici fuori luogo.

SI INTERROGA L’ASSESSORE COMPETENTE PER SAPERE:

  1. Quali strumenti intenda mettere in atto per demonizzare le crescenti notizie poco contestualizzate e lesive dell’immagine turistica di uno dei Comuni, di una delle valli trentine a maggior vocazione turistica e riconosciuta a livello internazionale per la propria accoglienza.
  2. Quali canali ritenga di utilizzare al fine di tutelare la filiera economica e turistica, pesantemente colpita più da un accanimento mediatico piuttosto che sanitario.
  3. Quale profilassi e quali misure di anti-contagio la giornalista e la troupe abbia seguito per svolgere il proprio lavoro nel Comune di Canazei/Comun de Cianacei, al fine di evitare ulteriormente l’ eventuale diffusione del virus sul territorio comunale.Consigliere provinciale Luca Guglielmi

 

 

 

 

EGREGIO SIGNOR GIUSEPPE CARBONI DIRETTORE TG1 RAI SEDE

E.p.c.

EGREGIO SENATORE
ALBERTO BARACHINI
PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L’INDIRIZZO GENERALE E LA VIGILANZA DEI SERVIZI RADIOTELEVISIVI
SEDE

Le scrivo per esprimere le mie più sentite rimostranze, accompagnate da quelle della popolazione del Comune di Canazei, Val di Fassa, Trentino. D questo paese, conosciuto a livello internazionale per la capacità di accoglienza turistica, per le Dolomiti UNESCO, per i circuiti sciistici invernali e le escursioni estive.

Da oggi però, grazie (si fa per dire) a un servizio trasmesso sul tg1 Rai da Lei diretto, alle ore 13.30, questa nota località turistica è conosciuta a livello nazionale, vista la diffusione della Sua testata, come una realtà provata dall’emergenza sanitaria globale.

Non so quale fosse l’idea della redazione ma quello che ne è uscito è un tiro al bersaglio nei confronti di una comunità che ha effettivamente avuto un numero elevato di contagi da calare però nel sistema socio/economico di chi vive di turismo, di chi fa accoglienza turistica.

Diverse cose rispetto a questo servizio, a mio modo di vedere, non sono andate per il verso giusto, vedasi:

  1. Il ragionare della situazione provinciale e regionale trasmettendo le immagini quasi esclusivamente del comune di Canazei.
  2. Il citare di contagi nelle R.S.A. quando in quella della Valle di Fassa, di cui Canazei fa parte, non risulta alcun caso, fortunatamente.
  3. Il fatto che la giornalista abbia parlato di un paese vuoto e desolato rispetto allo stesso periodo degli anni scorsi. Niente di più falso, questo è notoriamente e storicamente un periodo di fuori stagione, di stop tra la stagione invernale e quella estiva.

Potrei dilungarmi oltre Le chiedo fortemente, però, di verificare la veridicità di questo servizio e delle ricadute, sicuramente negative, che questo ha prodotto ad un paese, ad una Valle che sta lavorando e guardando con l’ottimismo che la contraddistingue alla stagione estiva e al futuro complessivo della propria economia.

All. interrogazione provinciale in riferimento al servizio stesso.

Consigliere provinciale Luca Guglielmi

 

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2020/04/interrogazione-a-risposta-scritta.pdf” title=”interrogazione a risposta scritta”]

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2020/04/rimostranza.pdf”]