VIDEONEWS & sponsored

(in )

GUGLIELMI (FASSA) – INTERROGAZIONE * FOLGARIASKI: « È VERO CHE IL 28 APRILE IL CDA HA STABILIZZATO LA POSIZIONE A TEMPO DETERMINATO DELL’EX AMMINISTRATORE DELEGATO? (SI PRESUME CON UN BUON COMPENSO) »

Interrogazione a risposta scritta n.

Premesso che nell’autunno del 2019 il Cda di “Folgariaski” è stato interamente rinnovato, ad esclusione del Suo Presidente, Denis Rech.

Considerato che nel corso di tale Assemblea dei Soci è stato sottolineato come il forte indebitamento evidenziato ad inizio piano di risanamento è stato ridotto a 18 milioni circa, grazie a un massiccio intervento di Trentino Sviluppo che d’ora in poi non ci sarà più. Anzi, in parte dovrà essere restituito in conto affitto delle strutture cedute a Trentino Sviluppo.

Preso atto che nel corso dei lavori dell’assemblea è intervenuto l’Assessore Roberto Failoni, richiamando tra i vari concetti espressi l’attenzione, da parte di Folgariaski, nell’evitare passi azzardati come quelli passati che avevano prodotto 38 milioni di euro di buco.

Tenuto conto che la particolare situazione sanitaria che stiamo tutti vivendo porta anche ad incertezze sul futuro economico e sulla ripresa imprenditoriale anche di questa società e quidi le parole dell’Assessore Failoni trovano ancora più pertinenza.

Venuto a conoscenza che in data 28 aprile c.a. il Cda di Folgariaski, con un solo voto contrario, avrebbe stabilizzato la posizione a tempo determinato dell’ex amministratore delegato e si presume con un buon compenso.

Sottolineato che questo andrebbe anche in contrasto con l’attenzione all’aumento di costi fissi soprattutto in questa fase di insicurezza provocata da Covid-19.

Ravvisata la necessità di comprendere la veridicità di quanto ipotizzato sopra, a fronte di una segnalazione pervenuta allo scrivente.

SI INTERROGA L’ASSESSORE COMPETENTE PER SAPERE:

Se quanto in premessa corrisponda al vero e se sì, se ne fosse a conoscenza.
Se quanto sopra venisse confermato per sapere quale sia la sua opinione in merito.
Se ritenga, qualora ne avesse titolarità, di intervenire e se sì, in che modo.

Consigliere provinciale

Luca Guglielmi