VIDEONEWS & sponsored

(in )

GUERRATO SPA* NOT / NUOVO OSPEDALE TRENTO – SENTENZA TAR 185/2020: “ ANNUNCIAMO IMPUGNATIVA AL CONSIGLIO DI STATO “

Nuovo Ospedale Trento, Sentenza TAR n.185/2020

Guerrato presenta ricorso al Consiglio di Stato.

La Guerrato Spa, con riferimento alle notizie di stampa di recente apparse sui quotidiani locali e nazionali, riferiti alla sentenza del TAR di Trento n° 185/2020, prende atto delle determinazioni dei Giudici e comunica che alle stesse seguirà una doverosa impugnativa dinanzi al Consiglio di Stato.

Vi è, infatti, che la Guerrato appare ingiustamente pregiudicata da presunte omissioni della Competente Commissione Tecnica che, secondo il TAR, avrebbe eluso le verifiche alla stessa demandate con sentenza dello stesso TAR n° 91/2020.

I giudici amministrativi, infatti, contestano l’operato della Commissione Tecnica circa la valutazione di coerenza tra due documenti dell’offerta tecnica della Guerrato ed in particolare tra la dichiarazione preliminare di interesse dell’Istituto Finanziatore, e il PEF della Guerrato.

In verità, la verifica di coerenza tra quanto esposto nella manifestazione preliminare di interesse dell’Istituto Finanziatore (documento 8 dell’Offerta Economica della Guerrato) e il PEF di offerta (documento 5 dell’offerta economica della Guerrato), è di facile accertamento, dal momento che vi è perfetta corrispondenza dei parametri finanziari indicati nei due diversi documenti.

Conseguentemente, appare quantomeno incomprensibile, che l’offerta della Guerrato – risultata largamente la migliore sia dal punto di vista Tecnico (66 punti su 70), che Economico (29,4 punti su 30), sia esclusa per una supposta errata valutazione tra due documenti la cui coerenza è agli atti e nei fatti.

Da quanto sopra discenderebbe un sicuro danno:

– per la Guerrato Spa che, per fatto addebitabile a terzi, si vedrebbe sostituita, nell’aggiudicazione provvisoria, dalla ricorrente;

– per la Provincia Autonoma di Trento, che, con l’eventuale nomina a promotore della Pizzarotti, sosterrebbe – per il contratto di costruzione e gestione del Nuovo Ospedale Trentino 2018 – ingenti costi aggiuntivi rispetto all’offerta della Guerrato; infatti, l’offerta di Pizzarotti prevede canoni annui di disponibilità e per servizi superiori di circa 1,7 milioni di euro rispetto a quelli della Guerrato che, conseguentemente, per tutta la durata della fase di gestione della Concessione (25 anni), porterebbero ad un maggior onere per le casse provinciali di oltre 42 milioni di euro.

D’altro canto, l’offerta della ricorrente presenta un tasso interno di rendimento (TIR) del 6,6% quindi superiore di 1,3 punti percentuali rispetto a quello della Guerrato (che si attesta al 5,3%) e superiore altresì di 1 punto percentuale rispetto al TIR obiettivo indicato dalla Provincia di Trento in sede di gara (pari al 5,6%), ciò a riprova della eccessiva onerosità della proposta concorrente.