INTERVISTA A VANESSA MASÈ (La Civica)

Il bilancio della prima legislatura in Consiglio provinciale Trento

Venerdì 29 novembre l’assemblea dei soci ha votato il nuovo direttivo del gruppo territoriale di Trento di +Europa. Sono risultati eletti sette soci: Matija Cubrilo, Lucia Scudiero, Ivan Fent, Leonardo Baccin, Antonio Bozza, Oscar Polli, Tomaso Bertoli.

Il direttivo ha quindi attribuito nella giornata dell’11 dicembre 2019 le cariche di coordinatore a Matija Cubrilo, di vice-coordinatore a Leonardo Baccin, di tesoriere a Ivan Fent. Il coordinatore uscente Alexander Schuster, membro dell’Assemblea nazionale del partito, sarà il coordinatore per la Regione Trentino-Alto Adige Südtirol. Schuster così commenta: “Come l’iniziativa ‘Figli costituenti’ ha dimostrato, +Europa è animata da giovani e vuole loro offrire un futuro fatto di opportunità, non di debito pubblico. Sono contento che dopo una prima fase di transizione oggi il partito sia preso in mano da studenti, molti dei quali sono iscritti e attivi pure nell’ALDE, il partito liberale europeo, così come da professionisti trentini e da persone che già hanno amministrato la cosa pubblica. È la giusta sinergia per creare la classe dirigente non solo per il domani, ma già per l’oggi.”

L’Assemblea ha deliberato di partecipare alle elezioni comunali di Trento, rimettendo invece al Coordinatore regionale di vagliare alleanze in vista dell’eventuale partecipazione anche in altri municipi. Condivisa la collocazione per Trento nell’alleanza di centro-sinistra, alleanza che è stata conosciuta in occasione di una riunione di coalizione del mese di ottobre. Tuttavia, da allora tutto tace. Il Direttivo di +Europa denuncia una grave situazione di stallo. Non c’è più tempo per attendere il PATT stile ‘Blockfrei’ o altre iniziative di entità centriste. +Europa chiede, quindi, di procedere sin da subito alle primarie. “Occorre riattivare e appassionare la base elettorale – commenta Alexander Schuster – occorre presidiare le piazze del Trentino, oggi abbandonate in larga misura agli adescamenti della retorica leghista. Chiediamo inoltre che le primarie adottino il sistema del voto trasferibile o preferenziale. Si tratta di un sistema che consente di rispettare al meglio le preferenze degli elettori e potenzialmente aggregare quelle date ai candidati dei partiti ‘minori’. Siamo nel 2020 e il nostro compito è anche quello di innovare la politica e rafforzare le preferenze dei cittadini.”

La presentazione dei componenti del Direttivo di +Europa Trento:

 

*

Matija Cubrilo

Matija Cubrilo, 21 anni, studente al terzo anno di Studi Internazionali presso la facoltà di Sociologia dell’università di Trento. Sostiene +Europa dal primo momento, ha cominciato ad organizzare i primi gruppi di +Europa Trento nell’ottobre 2018 e da lì sono partiti. Per Matija attualmente +Europa è l’unico partito che rappresenta nello spettro politico italiano un’alternativa europeista e liberale che persegue i propri valori invece di tradirli.

 

*

Lucia Scudiero

Lucia Scudiero, di Mori, 21 anni, studentessa in politica e relazioni internazionali. Si avvicina a +Europa a fine 2017 perché considera il partito come il migliore portavoce in Italia degli ideali europei in cui crede fermamente: innovazione, inclusione, rispetto dei diritti umani ecc. Si tratta di ideali di cui il Paese oggi ha estremamente bisogno.

 

*

Ivan Fent

Ivan Fent, 53 anni, laureato in economia, lavoro come responsabile commerciale nel settore dell’energia. Sostengo +Europa dalle ultime elezioni politiche e in occasione delle Europee sono entrato in contatto con il gruppo di Trento ed ha deciso di continuare a supportarlo perché si riconosce nelle idee fondanti del partito e ritiene che un’Europa più forte sia strategica per un Italia e un Trentino più forti nel futuro.

 

*

Leonardo Baccin

Leonardo Baccin, studente di Studi Internazionali presso l’Università di Trento. Ha scelto +Europa come prima esperienza politica perché rappresenta l’unica realtà italiana capace di lottare per i valori liberali ed europeisti di cui il Paese ha tanto bisogno, ed intende farsi portatore di questi ideali per espanderli il più possibile.

 

*

Antonio Bozza

Antonio Bozza è consulente aziendale per la progettazione e l’implementazione di modelli organizzativi inerenti il business, la sicurezza e l’ambiente.

 

*

Oscar Polli

Oscar Polli, 24 anni, laureato in Politica e Relazioni Internazionali e con un Master in EU politics presso la London School of Economics. Sostegno Più Europa fin dalla sua nascita ed ho già collaborato con il gruppo Più Europa Bruxelles durante un mio stage nella capitale belga. Ho deciso di continuare questo mio impegno politico, specialmente in Trentino e nelle nostre valli, perché credo fortemente nelle idee liberali, ecologiste ed il progetto per un Unione Europea più forte e democratica che contraddistingue Più Europa.

 

*

Tomaso Bertoli.

Tomaso Bertoli, 49 anni, Ingegnere Ambientale e dell’Informazione, libero professionista e imprenditore. Membro dell’Osservatorio per la Mobilità Sostenibile della Provincia Autonoma di Trento in rappresentanza di Ordini e Collegi Professionali. Da sempre impegnato nel volontariato di utilità e promozione sociale. Sostiene +Europa dalla sua fondazione e intende continuare a farlo per sviluppare un progetto politico di sostenibilità ambientale, economica e sociale che trova in un Europa più vicina e solidale il quadro di riferimento politico, tecnico e amministrativo necessario a svolgere attività economiche produttive in equilibrio con l’ambiente e con il sociale.