VIDEONEWS & sponsored

(in )

GRUPPO SCUOLA FUTURA * ISTRUZIONE: « VOGLIAMO CAPIRE QUALI SARANNO I TEMPI CONCESSI PER LA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA E L’ORGANIZZAZIONE DELLE CLASSI »

È stata appena approvata in Consiglio provinciale una mozione a prima firma Ugo Rossi in merito alla necessità di affrontare il tema scuola attraverso un “piano serio, chiaro e condiviso per il nuovo anno di istruzione, formazione professionale e servizi all’infanzia”.

Del piano chiaro, serio e soprattutto condiviso, della mozione però, dopo gli emendamenti dell’assessore Bisesti è rimasto solo il titolo.

È l’ennesima occasione persa. Tutto è demandato alla giunta, tempi, modalità e procedure. La stessa giunta che ha chiesto alle scuole d’infanzia di riaprire l’8 e le linee guida le ha presentate 36 ore prima.

Vogliamo capire, come gruppo scuola di Futura, quali saranno i tempi concessi per la programmazione didattica, l’organizzazione delle classi, l’apporto o meno di un numero maggiore di personale docente. Per ora nulla di tutto questo.

In questa proposta si evince che non vi è alcuna intenzione di investire sulla qualità dell’istruzione. Parlano di acquisto di device e formazione docenti. Cosa significa “requisiti di accesso” agli immobili? Quando parleranno delle risorse in termini di numero di insegnanti? Non c’è alcuna volontà di ridurre il numero degli alunni e delle alunne, nessuna riflessione su seri progetti didattici che vadano oltre la banalizzazione dello strumento della didattica a distanza, nessuna condivisione dei tanti declamati “scenari”.

A settembre diranno che non siamo in linea con “i protocolli di sicurezza”? Lasciare autonomia ai Comuni e ai dirigenti per la ricerca degli spazi per farne cosa? Ci aspettiamo al più presto risposte a queste domande e un serio e quanto mai condiviso dibattito aperto sulla scuola.

 

*

Gruppo scuola Futura