VIDEONEWS & sponsored

(in )

GRUPPO PD – TRENTINO * UNIONE EUROPEA: « UNA SVOLTA EPOCALE, DA UNA SOMMA DI INTERESSI PARZIALI SI È ARRIVATI A DEFINIRE UNO STRUMENTO DI BILANCIO COMUNE »

Dopo un lungo tragitto fatto di contatti, discussioni, confronti, mediazioni e nuove proposte, l’Unione europea ha veramente voltato pagina. Da una somma di interessi parziali si è arrivati a definire, per la prima volta nella non breve storia dell’unità continentale, uno strumento di bilancio comune, finanziato per il tramite del debito comune e che potrà rivelarsi strategico per il nostro Paese nel fronteggiare quell’emergenza Covid-19 che non sembra affatto esaurita e che avrà effetti sull’economia ancora per molto tempo.

Nell’esprimere una sincera soddisfazione per il raggiungimento di esiti che fino ad ieri sembravano insperati, il Gruppo consiliare del Partito Democratico del Trentino ringrazia il Presidente del Consiglio dei Ministri e tutta la Delegazione italiana, auspicando che quote non indifferenti di finanziamenti ed aiuti possano anche riversarsi sull’autonomia trentina, messa a dura prova dalla somma degli eventi occorsi in questi mesi.

La linea eccessivamente rigorista espressa dalla nuova “Lega anseatica”, alla quale si è aggiunta l’Austria, non sembra essere risultata complessivamente vincente, al pari dei sovranismi e dei nazionalismi che, in questa ritrovata unità europea, scontano la debolezza storica delle loro proposte di chiusura e di liquidazione dell’esperienza europea, mentre ancora una volta la bontà dell’intuizione di Degasperi, Schumann ed Adenauer ha confermato la sua forza attrattiva ed ha rilanciato un messaggio di speranza vera per il futuro dell’Europa e di tutti noi.