VIDEONEWS & sponsored

(in )

GRUPPO PD TRENTINO * DIMISSIONI SOJ: « CONDANNA CHE HA SVELATO SOTTRAZIONE DI MILIONI DI EURO A CENTINAIA DI COMUNI, CI SAREBBE VOLUTA PIÙ PRUDENZA NELLA NOMINA FIDUCIARIA »

Dimissioni Soj: la responsabilità della Giunta. Un asettico comunicato della Giunta provinciale ringrazia il presidente di Trentino Digitale per “la correttezza” delle sue dimissioni in seguito “ad una vicenda giudiziaria attinente l’attività svolta dal professionista alcuni anni fa, in un contesto lavorativo privato, esterno al Trentino”.

Pare che in realtà si tratti di una condanna all’interno di un’inchiesta che ha svelato un sistema di sottrazione di milioni di euro a centinaia di comuni italiani da parte di alcune società private che dovevano riscuotere tributi dei cittadini per conto della pubblica amministrazione!
Il consigliere del Partito Democratico del Trentino Luca Zeni ha prontamente depositato un’interrogazione nella quale chiede se Soj avesse comunicato la sua posizione giuridica, come imposto dalla normativa, quindi pare con un rinvio a giudizio già subito ed un procedimento contabile che pare avesse già accertato responsabilità in capo alle società nelle quali Soj era coinvolto.

In caso di risposta affermativa, per quale motivo la Giunta lo avesse comunque nominato. Infatti, anche qualora da un’interpretazione restrittiva della normativa – essendo formalmente Soj responsabile di una società di diritto privato – emergesse non esserci un divieto giuridico di nomina, il fatto che le società coinvolte agissero per conto delle pubbliche amministrazioni, riscuotendo i tributi, e che poi pare sottraessero alle stesse risorse per milioni di euro, un minimo di prudenza a tutela dell’istituzione provinciale imponesse di evitare la nomina, essendo di tipo esclusivamente fiduciario.

Infine il consigliere Zeni chiede come intenda ora procedere la giunta e con quali tempistiche per ripristinare al più presto le condizioni per tutelare un’importante società di sistema, le tante persone che vi lavorano e i tanti beneficiari dei servizi forniti.