VIDEONEWS & sponsored

(in )

GIUNTA REGIONALE TRENTINO-AA * GIUSTIZIA RIPARATIVA: « AFFIDATO A FRANCESCA MACI L'INCARICO DI CONSULENZA, IL PROGETTO OFFRE ALLE PERSONE LA POSSIBILITÀ DI GESTIRE SITUAZIONI DOLOROSE »

La Giunta regionale ha affidato a Francesca Maci l’incarico di consulenza nell’ambito del progetto “Giustizia riparativa nelle comunità: dalle riflessioni all’azione sul territorio”.
Su proposta del vicepresidente, Maurizio Fugatti, la Giunta regionale ha deciso di conferire l’incarico di consulenza in qualità di esperta di Family Group Conference (FGC), nell’ambito del progetto “Giustizia riparativa nelle comunità: dalle riflessioni all’azione sul territorio”, a Francesca Maci, docente presso l’Università di Milano Bicocca. Il progetto, ideato e realizzato dal Centro di Giustizia Riparativa della Regione e finanziato da Cassa delle ammende, prevede, tra le varie azioni, la sperimentazione di uno strumento di lavoro sociale, il Family Group Conference, in ambito penale.

Il FGC è una metodologia che rientra tra gli strumenti della giustizia riparativa, nella quale un facilitatore accompagna una famiglia o un gruppo di persone legate da relazioni nel processo di affrontare le conseguenze del reato cercando soluzioni concrete. La finalità è quella di offrire a persone, famiglie, gruppi la possibilità di affrontare e gestire situazioni complesse e a volte dolorose, facendosi carico di responsabilità e potenzialità.

Il progetto ha coinvolto sinora cinque Comunità comprensoriali e di valle, due in Alto Adige (Burgraviato e Valle Isarco) e tre in Trentino (Vallagarina, Valsugana e Val di Fassa), oltre a numerosi soggetti del terzo settore, in un lavoro di sensibilizzazione e informazione della cittadinanza sul tema della giustizia riparativa, anche attraverso l’apertura di sportelli territoriali di orientamento e supporto alla gestione di situazioni conflittuali. Il progetto, che proseguirà per tutto il 2021 prevede inoltre incontri pubblici e un percorso di giustizia riparativa specifico rivolto a minori e giovani adulti che abbiano commesso reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti.