SENTENZA TAR TRENTO - ORSI DEL TRENTINO

Intervista a Fulvio Rocco, Presidente Tribunale amministrativo regionale

***

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (22ma puntata format Tv)

D’ACCORDO CON KASWALDER: REGOLE DA CAMBIARE, BASTA OSTRUZIONISMO A DISTANZA. MA POI SI DIMETTA: HA INSULTATO LE MINORANZE

Sono d’accordo con il presidente Kaswalder e con i capigruppo di maggioranza: anche di fronte alla prepotenza di Fugatti, non è giusto né bello che le minoranze presentino valanghe di emendamenti e poi non stiano in aula a difenderli (Futura in ogni caso ne aveva proposto alcuni pacchetti mirati a norme che voleva cambiare).
Via libera dunque a cambiare il regolamento, anche subito: ma solo se servirà anche a limitare lo strapotere della maggioranza nella gestione delle commissioni e nell’agenda dei lavori d’aula. Altrimenti è un imbroglio.

Una volta cambiato il regolamento, però, prima del prossimo bilancio, dunque entro la fine di quest’anno 2020, Kaswalder si dimetta: ero, purtroppo per lui, l’unico consigliere di minoranza presente in aula (in tribuna) venerdì pomeriggio quando il presidente del Consiglio provinciale si è permesso di dire ad alta voce a un giornalista “le minoranze cazzeggiano al bar mentre noi siamo qui a lavorare”. Una scorrettezza istituzionale pesantissima, una dichiarazione inaccettabile fatta per brillare agli occhi della maggioranza che lo sostiene: la centesima dimostrazione “scientifica” che Kaswalder non è un presidente di tutti, non è un garante super partes che rispetta ogni forma legittima di protesta politica.

Cambiamo insieme il regolamento, presidente, scriva il suo nome nella storia dell’autonomia provinciale. E poi lasci la presidenza che non riesce a onorare.

 

*

Paolo Ghezzi

consigliere provinciale del Trentino e regionale/Regionalratsabgeordneter

Trentino-Alto Adige/Südtirol, presidente del gruppo provinciale e regionale

FUTURA 2018