News immediate,
non mediate!

GHEZZI (FUTURA) * INTEGRAZIONE – FONDI EUROPEI: « PECUNIA NON OLET, MA GLI STRANIERI PER FUGATTI PUZZANO? »

Scritto da
10:30 - 17/06/2020

Premesso che: in data 14 marzo 2019 Futura aveva depositato una interrogazione (anche questa senza risposta) per chiedere conto del mancato utilizzo dei contributi europei per finanziare il “Fondo asilo migrazione e integrazione 2014-2020” (Fami), strumento finanziario istituito con Regolamento UE n. 516/2014 con l’obiettivo di promuovere una gestione integrata dei flussi migratori sostenendo tutti gli aspetti del fenomeno: asilo, integrazione e rimpatrio ;
il primo progetto è relativo all’insegnamento della lingua italiana, in collaborazione con Cinformi, il secondo è dedicato alla valorizzazione dell’associazionismo per migranti regolarmente residenti in Trentino da anni e che desiderano fare rete;

come già è avvenuto l’anno scorso, anche quest’anno, la giunta non ha smentito se stessa nel voler affossare un sistema di integrazione utile al territorio, come ha ricordato il presidente di Confindustria durante l’assemblea del 24 ottobre 2019 a Riva del Garda: “se si rinuncia a giocare la partita dell’accoglienza si è già perso”;
come si evince dalla stampa, non si tratta solo di una rinuncia ai fondi europei, che già in un momento come questo, è una anomalia tutta trentina, ma anche un danno per le casse provinciali in quanto questa scellerata scelta politica costa 376.600 euro già incassati, che la Provincia dovrà restituire.

Tutto ciò premesso si interroga il presidente della Provincia per sapere:

se è la paura dello straniero alla base della scelta di rinunciare ai fondi europei ;

come giustifica un danno al bilancio di tale portata soprattutto in un momento di crisi economica come questa.

Paolo Ghezzi

Presidente gruppo consiliare FUTURA

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.