Dichiarazione del Segretario Generale della Presidenza della Repubblica

Il presidente del Consiglio provinciale Walter Kaswalder ha comunicato ieri (si veda l’allegato) di aver richiamato verbalmente la dipendente del Gabinetto della presidenza che aveva pubblicato su Facebook un commento offensivo nei confronti del consigliere Paolo Ghezzi.

Il commento rivelava un giudizio e un disprezzo nei confronti del consigliere in stridente contrasto con l’imparzialità che caratterizza la funzione di garanzia della presidenza del Consiglio presso il quale la dipendente lavora. Il commento, riferito ad un articolo – infondato e demolitorio – della testata online “La Voce del Trentino” sulla temporanea assenza dall’aula del consigliere provinciale, così recitava: “ ‘Strategia’ per evitare di farsi depennare 100 euro per assenza dalla ‘misera’ indennità consiliare…

Certi essere umani possono…. (emoji piangente)”.

La falsa notizia della testata era stata smentita dallo stesso presidente del consiglio provinciale in un comunicato stampa di domenica 28 luglio 2019, che aveva precisato come “l’assenza di consiglieri momentaneamente usciti dall’emiciclo” “costituisce un mezzo del tutto legittimo con cui le opposizioni possono esercitare l’ostruzionismo nel nostro sistema democratico”. Al momento l’articolo non risulta più reperibile sul sito web de “La Voce del Trentino”, ma il capogruppo provinciale di Futura ha fornito la documentazione al proprio avvocato, affinché si possa valutare la possibilità di procedere nei confronti della testata, non nuova ad attacchi personali contro il rappresentante dell’opposizione, che li aveva sempre serenamente ignorati fino a questo caso, in cui sono stati travalicati i confini del legittimo diritto di critica con un’allusione del tutto infondata ai “furbetti del cartellino”.

Tornando alle esternazioni social della dipendente del Consiglio, il capogruppo di Futura dà atto al presidente Kaswalder di avere richiamato la suddetta e si augura che continui a vigilare sulla correttezza e l’imparzialità di tutti gli uffici che lo affiancano nella sua delicata funzione di garante di tutte le consigliere e i consiglieri, in particolare di quelli di minoranza/opposizione.

 

 

risposta_ghezzi