News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

GHEZZI E COPPOLA (FUTURA) * FORUM PER LA CULTURA: « LE ESTERNAZIONI DEL “MINISTRO ESTERNO” DELLA CULTURA TRENTINA, DEFINISCE “PARLAMENTINO” IL CONSIGLIO PROVINCIALE DI TRENTO »

Scritto da
17.18 - giovedì 20 giugno 2019

Premesso che:

il 18 giugno 2019 l’assessore all’istruzione, università e cultura ha lanciato il “Forum per la cultura”, una nuova proposta formativa di supporto alla Provincia Autonoma di Trento per lo sviluppo di un Piano di Politica Culturale;
tale Forum prevede lo svolgimento di cinque incontri presieduti da esponenti della cultura nazionale, che si confronteranno con i dirigenti e funzionari del dipartimento istruzione e cultura della Provincia di Trento, della Soprintendenza e del servizio attività culturali;
al termine del ciclo di incontri, previsto per fine settembre, sarà redatto un documento finale che sarà fatto proprio dalla Giunta provinciale e conterrà le linee guida in tema di gestione dei beni e dei servizi culturali;
la notizia del lancio del Forum ha sorpreso il direttore del Muse e il direttore del Centro Servizi Santa Chiara, che secondo quanto riportato dagli organi di stampa erano all’oscuro dell’iniziativa;
ci si chiede quindi perché sia stato escluso a priori il loro potenziale contributo, così come quello di altri importanti esponenti dell’ambito culturale e artistico che in Trentino certo non mancano, ai quali forse ci si poteva rivolgere prima di esternalizzare l’iniziativa: molti di essi avrebbero potuto mettere a disposizione le proprie competenze senza ulteriori esborsi, in quanto già interni alle istituzioni culturali trentine;
ospiti del Forum saranno infatti la direttrice del teatro Coccia di Novara Corinne Baroni, il docente di filosofia presso l’Università San Raffaele Edoardo Dallari, la responsabile del corso di laurea in economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo alla Cattolica Paola Fandella, il teologo ed esperto di arte sacra antica e medievale monsignor Pasquale Iacobone, l’avvocato esperto di beni culturali Stefano Lombardi, il poeta e scrittore Davide Rondoni e il giornalista Pietrangelo Buttafuoco;
quest’ultimo è amico del presidente del Mart Vittorio Sgarbi, colui che ha definito “parlamentino” il Consiglio provinciale, mentre si è definito “deputato di un parlamentone” in un articolo pubblicato in data odierna dal Corriere del Trentino a firma di Donatello Baldo;
se aprire a nuove competenze si ritiene condivisibile in linea di principio, perché aiuta ad allargare le conoscenze e ad attivare nuovi stimoli, dall’altro lato ci si chiede se sia stata fatta anche una valutazione di competenze interne alla nostra Provincia e se in tal caso siano state ritenute non all’altezza del compito.

SI INTERROGA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TRENTO PER SAPERE:

il procedimento di valutazione e scelta dei relatori al Forum per la cultura;
la loro retribuzione per la partecipazione al citato Forum;
come le amministrazioni precedenti abbiano proceduto alla stesura delle linee guida in tema di gestione dei beni e dei servizi culturali;
se corrisponde al vero quanto dichiarato dal presidente del Mart Vittorio Sgarbi che tali persone si occuperanno solamente di principi generali;
se corrisponda al vero la dichiarazione del presidente Vittorio Sgarbi che ha affermato che durante il Forum si parlerà di come cambiare la “gestione monocratica del Festival dell’Economia”;
che cosa pensa delle dichiarazioni del presidente del Mart Vittorio Sgarbi che ha definito il Consiglio provinciale di Trento con il termine “parlamentino”; se ritiene che tale giudizio sia compatibile con il rispetto dell’autonomia provinciale che dovrebbe contraddistinguere chi viene chiamato a compiti così importanti da questa stessa autonomia.

 

*

PAOLO GHEZZI
consigliere provinciale Futura 2018

LUCIA COPPOLA
Consigliera provinciale Futura 2018

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.