START UP TRENTINO: INDAGINE CONTRIBUTI COMUNITARI PAT

Intervista Procuratore regionale Corte Conti dottor Marcovalerio Pozzato

Acquisire consapevolezza dell’importanza di definire modalità uniformi di formazione finalizzata all’utilizzo del defibrillatore automatico nonché alla creazione di una cultura ed una sensibilizzazione nella gestione delle emergenze da parte di coloro che sono attori fondamentali nella cosiddetta “catena della sopravvivenza”.

Questa è la premessa della giornata odierna in cui il Servizio Ospedaliero Provinciale U.O. Trentino Emergenza, per effetto del Protocollo d’intesa sottoscritto tra il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trento e la Provincia Autonoma di Trento sulla definizione degli interventi in materia di utilizzo dei defibrillatori automatici da parte di personale non sanitario, ha consegnato 12 defibrillatori alle Fiamme Gialle trentine.

Alla presenza del Comandante Regionale della Guardia di Finanza, Gen. Ivano MACCANI gli attori dell’accordo: in rappresentanza della Provincia Autonoma l’Ass. Stefania SEGNANA, il dott. Paolo CAPUTO del Servizio Ospedaliero trentino Emergenza, il col. Sergio LANCERIN, Comandante della Scuola Alpina della Guardia di Finanza e il col. Mario PALUMBO, Comandante Provinciale di Trento.

La strumentazione di ultima generazione sarà distribuita presso tutti i reparti della Guardia di Finanza territorialmente presenti in Provincia, in primis le componenti specialistiche del Soccorso Alpino del Corpo ad anche la Scuola Alpina di Predazzo.

L’azienda Provinciale per i Servizi Sanitari ha previsto altresì la formazione sull’utilizzo dei defibrillatori da parte del personale individuato dal Comando Provinciale di Trento nonché il “retraining” per il rinnovo dell’autorizzazione al suo corretto utilizzo.

Per l’abilitazione all’utilizzo del defibrillatore è prevista una formazione della durata pari a 20 ore finalizzata a fornire ad ogni operatore coinvolto gli strumenti per il corretto utilizzo della strumentazione in parola nonché a conoscere le modalità d’intervento, anche operative, nei casi di emergenza-urgenza.

La Guardia di Finanza è sempre in prima linea, vicino a chi ha bisogno, per fornire il proprio aiuto nelle operazioni di soccorso e nelle situazioni critiche nelle quali è chiamata ad intervenire.