News immediate,
non mediate!

FUTURA2018 * SCUOLA TRENTINA: « PER FUGATTI E SEGNANA LE PARI OPPORTUNITÀ NON FANNO PARTE DEI VALORI CHE LA NUOVA GIUNTA ETICA DEL TRENTINO VUOLE VEICOLARE »

Scritto da
20:36 - 30/12/2018

Il nuovo corso politico del Trentino non riserva sorprese. Tutto prevedibile, perfettamente allineato con quanto già succede a livello nazionale e nelle regioni a trazione leghista.

Dopo la stretta sull’accoglienza dei migranti, ecco che la scure si abbatte sui progetti di educazione alla relazione di genere. Poco importa che la parità di genere rientri tra le competenze di cittadinanza globale dell’Agenda 2030 dell’Unione Europea.

Fugatti e Segnana hanno deciso che le pari opportunità non fanno parte dei valori che la nuova Giunta etica del Trentino vuole veicolare a scuola.

Meglio insegnare (dis)valori come l’intolleranza e l’esclusione, in contrasto con la Carta costituzionale e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Anche in questo caso “prima noi” ma verso il basso.

È proprio in coerenza con questi (dis)valori che la Lega sta strumentalizzato il concetto di “genere” con la solita bufala dell’ “ideologia gender”, che ora pare aver assunto anche la forma di un marziano.

Ecco trovato il facile pretesto per bloccare quel po’ di educazione alla parità di genere che veniva proposta alle scuole, un modo per contrastare il bullismo, la mancanza di rispetto verso gli altri, la volgarità oggi imperanti. Come si fa poi a dire di essere contro il diffondersi della violenza verso categorie ben precise di persone?

Chi non la pensa come loro viene dipinto come un marziano, un rivoluzionario che vuole sovvertire la “natura”, un fanatico desideroso di abbattere i fondamenti della civiltà.

Ci auguriamo che l’assessora colga l’occasione di questa pausa di riflessione per conoscere in dettaglio i progetti sospesi e soprattutto le persone che li gestiscono concretamente: incontrerà intelligenti professionisti, donne sensibili e preparate, magari giovani, magari madri di famiglia. Insomma gente “normale”.

La giunta provinciale invece ripropone un modello di società patriarcale, con al centro l’uomo bianco e eterosessuale, fondamentalista dal punto di vista religioso, retrivo nei rapporti sociali. E che è spaventato e quindi odia qualsiasi “diverso”. Di questo passo una comunità sprofonda nella barbarie.

Futura2018 si oppone con fermezza a questa visione di società fatta solo per alcuni e a modello della Giunta, convinta che bambini e bambine, ragazzi e ragazze debbano essere educati ad una cittadinanza inclusiva e rispettosa delle diversità.

Per questo difenderemo i progetti di educazione alla relazione di genere a scuola, come stiamo facendo con quelli di integrazione dei migranti.

 

*

Futura 2018

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.