Trento è una città che gode di una qualità di vita alta, però, sul tema della sicurezza è necessario lavorare molto di più. Questa mattina è stata arrestata una banda di spacciatori e resto particolarmente stupito nel sapere che sono tutti minorenni. Bisogna aprire gli occhi ed intervenire di fronte ad una triste evidenza: i parchi e le piazze, ormai, non sono più sicuri e questo è dovuto a tanti individui, sia adulti che giovani, che vendono droghe ai ragazzi in difficoltà. Forza Italia Giovani ha sempre evidenziato l’importanza di contrastare questi fenomeni ed ora più che mai è fondamentale scavare fino alle radici di questo problema, offrendo vere e proprie soluzioni.

I giovani, che fanno uso di tali sostanze, sono infelici e cercano solo di contrastare questo stato d’animo. Hanno bisogno di qualcuno che stia al loro fianco e che dia loro la possibilità di riscattarsi, quindi, di tornare a credere nella propria persona. Per questo motivo, chiediamo di trovare un’occupazione ai tossicodipendenti che, sorvegliàti ed educati, dovranno imparare a rispettare le regole attraverso dei compiti socialmente utili. Sarà, inoltre, opportuno organizzare delle attività a scopo educativo ed informativo, rivolte agli spacciatori e ai loro “clienti”.

Anche le scuole dovranno intervenire, offrendo molteplici lezioni agli allievi, così da prevenire possibili rischi di spaccio o di acquisti illegali. Allo stesso tempo, bisogna aumentare i controlli nei luoghi a rischio, a partire dalla stazione e senza dimenticare le periferie. FI Giovani ha già inserito questo punto nel programma per le prossime elezioni amministrative e spera che si possa intervenire il prima possibile, perché questi sono gli effetti di una generazione lasciata sola in mezzo alle tante difficoltà in famiglia e non solo.

 

*

Gröbner Lukas
Forza Italia Giovani Trentino