News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

FONDAZIONE MACH * UN CENTINAIO DI TECNICI SI SONO CONFRONTATI SULLE STRATEGIE DI DIFESA PER IL MELO

Scritto da
17.00 - lunedì 27 novembre 2017

Un centinaio di tecnici si sono confrontati nei giorni scorsi, alla Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige, sulle strategie di difesa per il melo, in particolare per le malattie fungine e gli insetti. L’evento è stato organizzato dall’Associazione Italiana protezione delle piante (Aipp), in collaborazione con le Giornate Fitopatologiche e il Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach ed ha riunito i responsabili dei Servizi fitosanitari e tecnici della consulenza del Nord Italia.

Le principali evidenze emerse per gli anni 2016 e 2017 sono un aumento generalizzato dell’oidio, principalmente nelle zone collinari e la presenza ormai diffusa della cimice asiatica che, preferisce decisamente colture come pero, pesco, soia, ma anche su melo sta creando o potenzialmente creerà problemi negli anni a venire.

Al termine delle presentazioni Agostino Brunelli dell’Università di Bologna per i funghi e Claudio Ioriatti, coordinatore dei Dipartimenti Filiere Agroalimentari, Sperimentazione e Servizi Tecnologici del Centro Trasferimento Tecnologico, per gli insetti, hanno sintetizzato i punti salienti emersi nella giornata e questa sintesi verrà presentata alle prossime Giornate Fitopatologiche nel marzo 2018 a Chianciano Terme.

Brunelli ha richiamato situazioni di resistenza alle strategie chimiche per alcuni funghi e le modifiche climatiche che influiscono inevitabilmente anche sulla precoce comparsa di alcune malattie o sulla maggiore virulenza.Ioriatti ha posto l’accento sulle metodologie di monitoraggio che dovrebbero essere maggiormente standardizzate per ottenere dati confrontabili e le criticità ambientali che emergono inevitabilmente con l’uso di certi prodotti fitosanitari.

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.