Sessantasette pagine che contengono il biglietto da visita della ricerca scientifica della Fondazione Edmud Mach. Il report del Centro Ricerca e Innovazione 2017/2018 è appena uscito e completa il panorama della reportistica FEM accanto alle altre due pubblicazioni dell’ente: il Report del Centro Trasferimento Tecnologico e l’Annuario del Centro Istruzione e Formazione.

Come già nelle scorse edizioni, l’edizione biennale propone ai lettori una selezione dei risultati di ricerca di maggior peso dello scorso biennio (2017 e 2018). I tre “pilastri” dell’impegno FEM secondo la sua missione scientifica, ben sintetizzati nelle tre “A” (Agricoltura, Alimentazione, Ambiente), sono illustrati con una scelta di brevi articoli discorsivi, in cui i ricercatori illustrano la rilevanza dei principali progetti di ricerca con i risultati scientifici conseguiti nel periodo appena trascorso. A corollario, il Report include una serie di “telegrafici” interventi che riportano ulteriori risultati della ricerca FEM del biennio.

La Fondazione Mach di S. Michele all’Adige, nel suo Centro Ricerca e Innovazione, si conferma istituto di eccellenza nei settori disciplinari che lo contraddistinguono, ponendosi in posizione apicale nella classificazione degli istituti di ricerca nazionali stilata da ANVUR, l’Agenzia per la valutazione della ricerca in Italia. Qualche numero, riportato nel Report, dà ragione, anche quantitativamente, di questi risultati. Lavorano al Centro Ricerca e Innovazione 182 persone (43% donne, 14% stranieri, 37% in possesso di dottorato di ricerca).

Questi ricercatori hanno pubblicato, nel biennio, 383 articoli su riviste scientifiche “con fattore di impatto”. Le collaborazioni internazionali sono dell’ordine delle 200, nella maggior parte dei paesi europei ed extra-europei, in cinque continenti. Il Centro Ricerca e Innovazione è anche un importante polo di organizzazione di eventi scientifici: nel biennio sei “grandi eventi” internazionali e 13 eventi divulgativi accanto a numerosi seminari e conferenze.