News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

FONDAZIONE CARITRO: MINORANZE PAT, VANNO RIVISTI I CRITERI DI EROGAZIONE?

Scritto da
14.15 - mercoledì 10 maggio 2017

(Fonte: Giacomo Bezzi) – Premesso che, la Fondazione Caritro è una istituzione di diritto privato che opera nel pubblico e che quindi, le finalità pur venendo perseguite con modalità privatistiche, dovrebbero mirare al bene comune pubblico.

Rilevato che, la legge istitutiva delle Fondazioni bancarie, al fine di tutelare la natura improntata all’autonomia, prevede il divieto di consentire nella governance, poteri dominanti e il dovere di preservare il patrimonio, mediante la diversificazione degli investimenti e di una idonea remunerazione degli stessi.

Constatato che è da tempo che la Fondazione Caritro non è più sotto i riflettori, sia degli osservatori, che dei media locali, i quali, si erano invece ampiamente interessati nei mesi precedenti, sulle vicende che portarono dapprima alla defenestrazione di Paolo Battocchi, presidente del Consiglio di Gestione, e successivamente ai problemi di incompatibilità giuridica del suo successore, Michele Iori. A tal riguardo si ricorda che due, furono gli aspetti di rilievo che emersero nel tormentato dibattito e che poi portarono allo scontro interno degli Organi della Fondazione:

1) la asserita copertura politica di cui godrebbe il presidente Iori da parte del Pd, tanto che si arriva, in sfregio alla nostra Autonomia speciale, all’inusuale ricorso al Ministero dell’Economia, per evitare la decadenza dello stesso presidente Iori;

2) il reale conflitto di interesse dell’Università di Trento, che da un lato è presente nel Comitato di Indirizzo, ricoprendo la presidenza, e dall’altro sarebbe beneficiario di ingenti risorse (più di 50 milioni di euro a valore nominale dall’avvio della Fondazione). Questo non sulla base di bandi, bensì con erogazioni dirette senza gara, penalizzando così gli altri Enti di Ricerca, che non godono di questo privilegio.

 

A tale proposito, secondo informazioni a disposizione degli interroganti, sembrerebbe che il Consiglio di Gestione sia intenzionato a stanziare 5 milioni di euro per partecipare a una cordata (una newco) che avrebbe l’obiettivo di rilevare la proprietà del quotidiano l’Adige, dagli attuali proprietari, la famiglia Gelmi di Caporiacco.

Preso atto che, la Fondazione Caritro, si sarebbe ben guardata dal rendere pubblica tale decisione, venendo meno alle più elementari norme di trasparenza verso la Comunità trentina, nonché allo spirito della legislazione in vigore per le Fondazioni Bancarie.
Considerato che il quotidiano l’Adige, costituisce un presidio culturale importante ed essenziale per
esprimere la originalità e la specificità trentina. Tutto ciò premesso,

 

 

*

si interroga il Presidente della Provincia per sapere
1. Se sia a conoscenza delle decisioni del Comitato d’Indirizzo sopracitate;

2. Se esiste una delibera su tale decisione;

3. Se i quattro rappresentanti del Comitato di Indirizzo, di nomina della Giunta provinciale abbiano informato la Presidenza della Provincia;

4. Se corrisponde al vero che il Presidente Iori, senza coinvolgere i quattro rappresentanti nominati dalla Giunta provinciale, abbia interloquito con il Presidente della Giunta
provinciale Rossi;

5. Se non ritiene che un investimento così rilevante non sia in palese contrasto con i principi del buon operare di una Fondazione Bancaria;

6. Se il disegno sottostante questa operazione sia un bene per il Trentino e per il pluralismo editoriale e per la salvaguardia dei posti di lavoro e la sua secolare specificità;

7. Se non si stia verificando una perniciosa commistione fra gli interessi particolari dei partiti di Governo e gli interessi superiori e generali della Provincia Autonoma di Trento;

8. Se non vadano rivisti i criteri di erogazione dei fondi della Fondazione Caritro, nel segno della trasparenza e della equità, non solo formale ma anche sostanziale.
Se sia a conoscenza delle decisioni del Comitato d’Indirizzo sopracitate

 

 

 

**

Cons. Giacomo Bezzi

Cons. Manuela Bottamedi

Cons. Claudio Cia

Cons. Maurizio Fugatti

 

 

 

 

 

In allegato l’interrogazione contenuta nel comunicato stampa:

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/05/IDAP_758509-1.pdf” title=”IDAP_758509″]
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.