VIDEONEWS & sponsored

(in )

ENI * CDA: « APPROVATO L’AVVIO DEL PROGETTO PER QUOTAZIONE O CESSIONE DI UNA QUOTA MINORITARIA DELLA NUOVA BUSINESS UNIT ENI GAS E LUCE E RENEWABLES »

Cda Eni approva avvio progetto strategico per quotazione o cessione di una quota minoritaria della nuova business unit Eni gas e luce e renewables.

San Donato Milanese (MI), 30 aprile 2021 – Il Consiglio di Amministrazione di Eni, riunitosi ieri sotto la presidenza di Lucia Calvosa, ha approvato l’avvio di un progetto strategico al fine di definire e valutare il piano industriale e finanziario del nuovo veicolo societario che nascerà dall’unione delle attività di retail e di energia rinnovabile.

Lo studio prevede inoltre la valutazione di molteplici opzioni per la miglior valorizzazione di questa società nel corso del 2022, subordinatamente alle condizioni di mercato. Le opzioni in esame comprendono la quotazione in borsa tramite un’offerta pubblica iniziale (IPO), oppure la cessione o lo scambio di una quota di minoranza.

Ad oggi Eni conta circa 10 milioni di clienti, che considera una importante fonte di valore per l’azienda. La fusione delle attività retail e rinnovabili, il cui piano di sviluppo prevede un aumento significativo della capacità installata, massimizzerà la creazione di valore ampliando l’offerta di servizi, infrastrutture ed energia verde direttamente alla ampia clientela retail.

La nuova società avrà l’obiettivo di sviluppare entro il 2025 una capacità di generazione elettrica da fonte rinnovabile superiore a 5 GW. Tale capacità sarà offerta alla crescente base clienti, di oltre 11 milioni entro quella data, con un EBITDA complessivo previsto in crescita, dai 600 milioni di euro del 2021 a oltre 1 miliardo di euro nel 2025.

Il progetto che vede già coinvolto un team Eni, supportato da advisor strategici e finanziari, fa parte del più ampio impegno della Società per creare valore attraverso la transizione energetica e contribuirà al raggiungimento dei target di riduzione delle emissioni scope 3, una parte fondamentale della strategia che porterà Eni alla neutralità carbonica entro il 2050.

 

***

 

Eni’s Board of Directors approves launch of strategic project to list or sell a minority stake in new business unit formed by Eni gas e luce and renewables

San Donato Milanese (Milan), 30 April 2021 – The Board of Eni, chaired yesterday by Lucia Calvosa, has approved the launch of a strategic project to define and evaluate the industrial and financial plans of the new corporate entity that will result from the union between the retail and renewable energy activities.

The study also envisages the evaluation of multiple options to extrapolate the maximum value from this new entity during the course of 2022, subject to market conditions. Options under consideration include a stock exchange listing through an initial public offering (IPO), or the sale or exchange of a minority stake in the new entity.

Today, Eni can count on about 10 million customers, which are an important source of value for the company. The merger of the retail and the renewables businesses, whose development plan envisages a significant growth in installed capacity, will foster value generation, broadening the direct offer of services, infrastructure and green energy to customers.

The objective of the new company will be to develop renewable generation capacity in excess of 5 gigawatts by 2025. This capacity will be offered to the company’s growing customer base, which is expected to include over 11 million customers by that time, with an overall EBITDA expected to grow from 600 million euros in 2021 to over 1 billion euros in 2025.

The project, for which Eni has formed an internal team supported by strategic and financial advisors, is part of the Company’s wider commitment to delivering value through the energy transition. It will contribute to reaching scope 3 emission reduction targets, which are a key part of the broader strategy that will turn Eni into a carbon neutral company by 2050.