QUALI SONO I VERI NUMERI DELLA PANDEMIA IN TRENTINO?

Diretta video a cura di "Trentino In Azione "

***

VIDEOINTERVISTA AL SEGRETARIO UIL FPL TRENTINO

MARCELLA TOMASI

Focus su: « Pat ed Enti Locali/ Covid / Contratti Collettivi / Scuola / Centrosinistra e Lega

Dolomiti Energia Trentino, troppo Partizan nel Round 1 di Top 16: bianconeri sconfitti 71-43.

I bianconeri incappano in una serata nera al tiro e cedono alla corazzata serba nonostante una buona prova in difesa: domenica alle 20.45 alla BLM Group Arena si apre il girone di ritorno di campionato

Il Partizan NIS Belgrade dà il benvenuto alla Dolomiti Energia Trentino nelle Top 16 di 7DAYS EuroCup con una grande prova di forza che spegne fin da subito le speranze di “colpo” esterno dei bianconeri: alla Hala Sportova Ranko Zeravica l’Aquila gioca una partita di grande compattezza difensiva, mostrando carattere e forza limitando uno dei migliori attacchi del torneo, ma per tutti i 40’ fatica terribilmente a trovare continuità realizzativa in attacco.

Unico giocatore in doppia cifra a referto per Trento è JaCorey Williams, che chiude il match con 15 punti e otto rimbalzi.

Il Round 1 del Gruppo F va così al Partizan, che raggiunge il Boulogne Metropolitans 92: le due sconfitte del primo turno invece, Lokomotiv Kuban Krasnodar e Dolomiti Energia Trentino, si affronteranno alla BLM Group Arena mercoledì 20 alle ore 20.00 in un match già determinante per i delicati equilibri del girone.

La cronaca | La Dolomiti Energia è orfana di Kelvin Martin, rimasto a Trento per il riacutizzarsi del fastidio alla coscia sinistra, così nel quintetto di coach Nicola Brienza scivola Toto Forray. L’avvio di match è tutto di marca serba (6-0 con tre canestri di Miller-McIntyre), l’Aquila prova a scuotersi con una gran tripla di Browne e con i canestri di Williams e Maye (15-10).

Chiuso sotto di otto il primo quarto, la Dolomiti Energia gioca un secondo periodo di grande applicazione e sacrificio, trovando anche da Mezzanotte, Ladurner e Conti un prezioso apporto in difesa e a rimbalzo e concedendo appena 11 punti al Partizan. Il problema è che in attacco l’Aquila non segna letteralmente mai, e arriva a metà partita sotto 35-20 con appena 4 punti a referto nell’intero secondo quarto (8/36 al tiro di squadra).

Le difficoltà offensive di Trento proseguono anche nel secondo tempo: dopo 30’ di gioco il punteggio è sul 54-30, i bianconeri provano a limitare i danni ma i serbi tornano ad accelerare anche nell’ultima parte di quarto periodo.

 

Partizan NIS Belgrade 71

 

Dolomiti Energia Trentino 43

 

(24-16, 35-20; 54-30)

 

PARTIZAN NIS BELGRADE: Mika 4, Miller-McIntyre 9, Zagorac 5, Paige 9, Dangubic 8, Stevanovic ne, Velickovic ne, Perkins 11, Jankovic 8, Thomas 5, Trifunovic, Mosley 12. Coach Filopovski.

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Pascolo 3 (0/1, 1/3), Conti 2 (1/1), Browne 7 (0/8, 2/6), Forray (0/3, 0/4), Sanders 4 (2/6, 0/3), Mezzanotte 5 (1/1, 1/3), Morgan (0/1, 0/5), Williams 15 (7/13), Ladurner 2 (1/1), Maye 5 (1/5, 1/6). Coach Brienza.

 

Le parole di coach Nicola Brienza | «Complimenti al Partizan, che ha giocato una grande partita combattendo con grande spirito per tutti i 40’. Noi abbiamo provato a fare il massimo, e la nostra difesa a parte alcune situazioni con il pick and roll centrale di Mosley ha lavorato bene, limitando le tanti armi a disposizione del Partizan. Il nostro problema questa sera è stato decisamente in attacco, nella prima metà di partita soprattutto abbiamo sbagliato sei o sette tiri aperti, e a questo livello per competere non puoi permetterti di lasciare per strada troppe occasioni. È la prima partita delle nostre Top 16, lavoreremo e lotteremo per fare meglio nelle prossime cercando di alzare il nostro livello complessivo».

 

La prossima | I bianconeri faranno rientro a Trento per giocare in casa, domenica 17, contro la De’ Longhi Treviso nel posticipo del primo turno del girone di ritorno in Serie A UnipolSai (palla a due alle 20.45, diretta RAI Sport).