VIDEONEWS & sponsored

(in )

DISTRETTO BIOLOGICO TRENTINO * COMITATO PROMOTORE: « REFERENDUM, SE VINCERÀ IL SÌ DOVRÀ AVVIARSI UN PERCORSO DI COLLABORAZIONE TRA ISTITUZIONI ED ATTORI ECONOMICI »

Si è svolta questa mattina, Giornata mondiale dell’Ambiente, al Liber Cafè di Piazza Dante a Trento la Conferenza stampa del Comitato promotore del Referendum per un Distretto Biologico Trentino, organizzata per presentare le 27 Associazioni e Organizzazioni ambientaliste che fino adesso hanno aderito alla proposta referendaria mettendo a disposizione il proprio logo. Attendiamo che altre prendano la stessa decisione.

Sappiamo che il Referendum si svolgerà tra settembre e ottobre 2021 in data che la Provincia indicherà con decreto. Nell’incontro di questa mattina è stato ribadito che per essere valido dovrà presentarsi alle urne almeno il 40 per cento più uno degli aventi diritto al voto.

Se vincerà il Sì, per realizzare un Distretto Biologico Trentino dovrà avviarsi un successivo percorso di collaborazione tra le Istituzioni, gli attori economici, sociali e culturali dei diversi territori e gli stessi consumatori.

Delle 27 Associazioni e Organizzazioni erano presenti: l’Associazione Pescatori Dilettanti Trentini, la Federazione Pescatori Trentini, Futuro Sostenibile dell’Alta Val di Non, Associazione Ledro Inselberg, l’Ortazzo della Valsugana, Trento Consumo Consapevole, Mountain Wilderness, Legambiente di Trento, WWF del Trentino.

Tutte hanno espresso la convinta adesione al progetto referendario perché ciascuno dal proprio osservatorio vede quanto grave sia il problema ambientale: il veloce degrado delle acque, il loro consumo indiscriminato quando i fiumi sono in grave sofferenza, l’inquinamento dei ghiacciai e lo sfruttamento forzato delle montagne, la rapida perdita della biodiversità e in generale il degrado dell’Ambiente tutto, il grave rischio che la nostra salute corre consumando cibi malsani, respirando aria inquinata anche a causa dell’uso diffuso dei pesticidi.

Condividono con noi la convinzione che questa scelta richiede anche un cambio di passo culturale, non più rimandabile, scegliendo stili di vita sostenibili, in armonia con la Natura che non vogliamo piegare ai nostri fini e trattare come una nemica ma come alleata con cui lavorare.

 

 

*

Il Comitato promotore
del Referendum per un Distretto Biologico Trentino

 

 

=

Nella foto: i boschi sopra Sardagna (Copyright agenzia Opinione)

 

 

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF [16.28 MB]