Domenica 11 a Riva del Garda Giornata del Migrante e del Profugo, alla presenza dell’arcivescovo Lauro.Don Caldera: “Occasione per consolidare la cultura dell’accoglienza”.

“Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati” è il titolo proposto da Papa Francesco per la Giornata del Migrante e del Profugo, già in calendario il 18 gennaio scorso, ma che si celebra a livello diocesano domenica prossima, 11 marzo, a Riva del Garda.

Il programma prevede il ritrovo in piazza Cavour alle ore 14.00 con il saluto delle autorità, alle 14.30 la s. Messa nella chiesa di Santa Maria Assunta concelebrata dall’arcivescovo Lauro Tisi, alle 15.30 l’inizio della sfilata dei popoli che rappresentano le diverse comunità nazionali presenti in Trentino verso il Palacongressi dove, dalle 16 in poi, ci sarà un momento di convivialità e alcuni interventi e testimonianze sul tema della Giornata.

“Per noi sarà l’occasione – spiega a Vita Trentina don Giuseppe Caldera, incaricato vescovile per la pastorale delle missioni e delle migrazioni – per ribadire la continuità della Chiesa cattolica nel suo impegno educativo per far crescere e consolidare una cultura dell’accoglienza”.

Papa Francesco, nel suo messaggio per la Giornata parla di “Una grande responsabilità che la Chiesa intende condividere con tutti i credenti e gli uomini e le donne di buona volontà, i quali sono chiamati a rispondere alle numerose sfide poste dalle migrazioni contemporanee con generosità, alacrità, saggezza e lungimiranza, ciascuno secondo le proprie possibilità”.

L’organizzazione della Giornata è a cura della Diocesi di Trento con Pastorale missionaria e delle migrazioni e i decanati di Riva e Ledro, Arco, Calavino; dall’associazione Trentini nel mondo e dal Comune di Riva del Garda.