VIDEONEWS & sponsored

(in )

DEGASPERI* LA “RITIRATA POSTALE”: NEL 2006 UNA RACCOMANDATA SEMPLICE DOVEVA ESSERE CONSEGNATA IN 3 GIORNI E COSTAVA 2,80 EURO, OGGI CE NE VOGLIONO 4 E IL COSTO È DI 4,50

“Nel 2006 una raccomandata semplice doveva essere consegnata in 3 giorni e costava 2,80 euro, oggi ce ne vogliono 4 e il costo è di 4,50”. Basterebbe questo per comprendere l’inesorabile declino delle Poste a discapito dei cittadini/clienti.

È certamente vero che il mercato della corrispondenza è in calo ma ciò non giustifica aumento dei costi e peggioramento dei servizi che dovrebbero continuare a chiamarsi “universali” anche in considerazione del fatto che, dopo le precedenti tre riorganizzazioni, sono aumentati i carichi sui servizi di tracciatura e sui chilometri da percorrere.

Sembra ormai certo che dal 4 dicembre anche in Trentino partirà la consegna a giorni alterni (ovvero 5 giorni su 14). Bassa e Alta Valsugana, Primiero, Vanoi, Valle dei Laghi, Bleggio e Banale sembra che vedranno più che dimezzare le consegne, nonostante la direttiva europea prescriva che “nell’ambito della fornitura del servizio postale universale, la raccolta degli invii e la distribuzione al domicilio devono essere garantite come minimo 5 giorni lavorativi a settimana”. Sembra anche che le scelte siano state effettuate unilateralmente su una carta geografica in bianco e nero (basti pensare a quella che accorperebbe l’altopiano di Lavarone a Levico).

Nel question time della prossima settimana chiederemo se il Tavolo di lavoro ha valutato le conseguenze dei tagli al servizio postale universale e quali iniziative intende adottare la Provincia per evitare che i territori trentini subiscano un ulteriore significativo impoverimento.

 

*

Cons. Filippo Degasperi

 

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/11/IDAP-question-time-ritirata_postale-23-nov-2017.pdf” title=”IDAP – question time ritirata_postale – 23 nov 2017″]