News immediate,
non mediate!

DE BERTOLDI (FDI) * GOVERNO: « LETTERA A DRAGHI, FICO E CASELLATI – COMUNICARE LA PROMOZIONE DELLE PRODUZIONI NAZIONALI »

Scritto da
15:33 - 16/02/2021

“Ho scritto una lettera al presidente Draghi e ai presidenti di Camera e Senato per sollecitare l’utilizzo, nelle loro vesti istituzionali, di beni e prodotti Made in Italy”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della commissione Finanze.

“Ritengo infatti assolutamente inappropriato ed inopportuno – sottolinea de Bertoldi – che chiunque rappresenti ai massimi livelli lo Stato Italiano non comunichi pubblicamente, anche con i propri comportamenti, la promozione ed il valore delle produzioni nazionali. L’aver dovuto vedere nelle trasmissioni televisive, insieme a milioni di cittadini e consumatori di tutto il mondo, il presidente Draghi a bordo di un’autovettura tedesca per raggiungere le sedi istituzionali, ha purtroppo dato l’immagine di un Paese che non ha orgoglio del proprio sistema produttivo, che non crede e quindi non promuove le proprie produzioni, che non apprezza il lavoro dei propri concittadini e che conseguentemente non rispetta sé stesso.

“In un momento peraltro così difficile per le nostre imprese – conclude de Bertoldi – ritengo sia inaccettabile perseverare in questo rilevante difetto di comunicazione, che infatti non si verifica né in Germania né in Francia, laddove appunto esistono mezzi idonei, e la invito quindi a prendere immediatamente conseguenti provvedimenti affinché l’Istituzione, che Lei rappresenta, possa divenire la prima ambasciatrice delle nostre uniche ed invidiate produzioni nazionali. Auspico infine, per la dignità di un Paese, che comunque fa parte delle principali nazioni industriali, che i beni e prodotti nazionali utilizzati siano quelli di assoluta eccellenza, e non diano l’immagine pauperista di un Paese che ha rinunciato ad essere riferimento internazionale nella bontà e bellezza delle proprie produzioni”.

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.