PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (6 puntata format Tv)

***

ASSOCIAZIONE TRANSDOLOMITES

Intervista al Presidente Massimo Girardi

(Progetto Ferrovia Avisio - Mobilità di valle - Trasporto Brt)

“Alla fine, come sempre, la verità dei fatti è venuta a galla. Non si può che commentare così la notizia, ampiamente ripresa dalla stampa locale, secondo cui nessun asilo nido di Rovereto aprirà lunedì prossimo, rinunciando ad avvalersi della possibilità prevista dalla Provincia. Una mancata riapertura che, a livello comunale, viene motivata da una parte lamentando l’assenza di linee guida provinciali e, dall’altro, ammettendo la mancanza di personale nella fascia pomeridiana.

In realtà, come noto, delle indicazioni provinciali esistono su come gestire le riaperture dei nido esistono eccome, e dette mancate riaperture – come si diceva – confermano solo un fatto: chi oggi non sa organizzarsi per la riapertura dei nido è lo stesso che ieri denunciava una disattenzione provinciale al riguardo; e ora che l’Amministrazione provinciale, invece, ha previsto questa possibilità – dimostrando vicinanza al concreta alle esigenze delle famiglie trentine con figli piccoli – nulla sa porre in essere.

Ne consegue come quanto accade a Rovereto – pur essendo triste, dato che nessuno può dirsi sollevato dalla mancata riapertura degli asili nido – è utile a ristabilire un principio di verità rispetto a responsabilità che son anzitutto quelle dei Sindaci, cui spetta l’onore e l’onere di organizzare le riaperture in piena sicurezza per i bambini e per le maestre, alle quali va la nostra gratitudine per la disponibilità in caso di riapertura. Le Amministrazioni comunali che a breve non riapriranno i nido, prima di prendersela con la Provincia, che non ha alcuna responsabilità in merito, anzi, farebbero dunque bene, anzitutto, a guardarsi allo specchio, praticando un po’ di sana autocritica

Ognuno si sta infatti sobbarcando la sua parte di sacrifici, dopo molti mesi di disagi, per concorrere al bene comune. Ed è anche chiaro, evidentemente, che servirà ancora del tempo per tornare ad una piena normalità. Tuttavia è giunto il momento che anche le Amministrazioni comunali – Rovereto in primis – si mettano in gioco, evitando di continuare a scaricare sulla Giunta provinciale, che ha gestito l’emergenza epidemiologica in modo esemplare, responsabilità che non la riguardano affatto. Diversamente si può forse continuare con la polemica politica, chiaro, ma non è certamente quello di cui hanno bisogno cittadini e famiglie che sono, comprensibilmente, in attesa di risposte concrete”.

É quanto affermato in una nota dal Consigliere provinciale della Lega Salvini Trentino Mara Dalzocchio.