I debiti dei consumatori e le loro tutele: tra agenzie che ne promettono la cancellazione e il nuovo Organismo trentino di composizione delle crisi da sovraindebitamento.

È di lunedì la notizia che un’agenzia di ristrutturazione dei debiti è stata condannata dall’Antitrust per prassi commerciale scorretta perché lasciava intendere ai consumatori indebitati che rivolgendosi all’agenzia, a pagamento, si sarebbe sicuramente ottenuto uno sconto o la cancellazione totale o parziale del debito.

Purtroppo i consumatori che si rivolgono al CRTCU per consulenze in materia di debiti sono molti, e i casi si possono così riassumere:

1. Consumatori che non riescono a pagare i propri debiti per la perdita del lavoro o per mutate circostanze redittuali famigliari.

2. Sovraindebitamento, cioè l’accumulo oltre la soglia di sostenibilità di posizioni debitorie.

3. Gestione dei rapporti con le agenzie di recupero dei crediti.

4. Informazioni sulle agenzie che promettono la cancellazione del debito o una riduzione dello stesso o il recupero di somme asseritamente non dovute.

5. Accesso alle banche dati sul merito creditizio per verificare i dati ivi presenti in caso di richiesta di finanziamento negata (qui disponibile un foglio info
https://www.centroconsumatori.tn.it/148d1322.html)

In tutti questi casi si parla di situazioni di forte debolezza di una parte verso una o più parti, circostanza che pare non scoraggiare sedicenti venditori di promesse mai mantenute.

È vero che la giurisprudenza, negli ultimi anni, ha aperto alcune vie per ottenere parte di quanto pagato, così è, ad esempio, per le commissioni che le finanziarie fanno pagare o per le quote parte dei premi assicurativi di polizze a protezione del credito, per coperture non godute, in caso di estinzione anticipata dei crediti, ma, purtroppo, le vie per gestire un debito sono normate, pertanto, gli unici spazi per la “gestione” dei debiti sono relativi ad un eventuale accordo transattivo tra parti, nessuna magia in grado di far sparire somme dovute!

L’Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento è ora attivo anche in Provincia di Trento.

L’Ordine degli avvocati e dei commercialisti trentini hanno creato l’Organismo di Composizione della Crisi da Sovraindebitamento degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili del Trentino.

L’Organismo ha sede operativa presso l’Ordine degli Avvocati di Trento (Trento, Largo Pigarelli n.1) e ha una sede distaccata presso l’Ordine degli Avvocati di Rovereto (Rovereto, Corso Rosmini n.65).

I consumatori possono rivolgersi all’OCC ogni volta che si trovano in una situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà ovvero la definitiva incapacità di adempiere le proprie obbligazioni.

I riferimenti per l’accesso all’Organismo sono reperibili attraverso il sito internet, all’indirizzo www.occtrentino.it .

Il procedimento ha un costo di € 250,00 oltre IVA (€ 305,00) per l’accesso alla procedura e per l’attività di verifica preliminare della domanda. Se la domanda è ammissibile, verrà fatto un preventivo dei compensi spettanti all’Organismo, come previsto per legge.

Il CRTCU è a disposizione per informazioni e assistenza in materia di contratti di credito al consumo o posizioni di sovraindebitamento allo 0461984751.