VIDEONEWS & sponsored

(in )

CORAZZA (AGIRE) * COVID-19: « RINNOVIAMO L’APPELLO AI CITTADINI “RIMANETE A CASA“, LA NOSTRA SOLIDARIETÀ ALLE FORZE DELL’ORDINE »

Covid-19, appello a rimanere a casa e solidarietà di AGIRE per il Trentino alle Forze dell’Ordine.

– lettera al direttore –

Egr. direttore,

Troppo spesso in questi giorni ci capita di assistere a situazioni che non sono rispettose delle regole che sono state stabilite dal Governo per limitare la diffusione del virus che sta mettendo in ginocchio il Paese e il nostro territorio.

Dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che il grande senso di responsabilità tenuto dalla maggior parte dei cittadini sarà vano, se una parte di essi – anche minima – continuerà ostinatamente a transigere alla semplice regola di restare a casa (con la possibilità di uscire nei casi ormai noti).

In una situazione di emergenza, come quella che stiamo vivendo, non ci sono spazio e tempo per tergiversare sul carattere delle misure introdotte per tutelare la salute dei nostri cittadini. In questo senso, è sbagliato parlare di provvedimenti razzisti, buonisti o qualsiasi altro termine sia stato usato – e spesso abusato – nelle scorse settimane: le regole sono regole, e vanno rispettate.

Capita invece che, per sconsideratezza o per lo scarso rispetto verso il prossimo e verso coloro che stanno lavorando per arginare questo virus, qualcuno scelga di disattendere le prescrizioni, nella speranza di essere impunito e che il peggio succede sempre agli altri.

La solidarietà di AGIRE per il Trentino alle forze dell’ordine che, in queste ore, stanno lavorando per far rispettare le regole e che sono talvolta costrette a subire comportamenti irrispettosi e ingiuriosi. Il Presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, ha riferito che il Governo nazionale sta valutando inasprimenti delle pene per chi non si atterrà alle nuove regolamentazioni. Auspichiamo che – per far comprendere a tutti la serietà della questione e per far sì che si rispettino le regole – non si debba arrivare a tanto, tuttavia qualora fosse necessario chiediamo di valutare con attenzione l’intervento dell’esercito come forma di deterrenza.

Rinnoviamo quindi l’appello a rimanere presso la propria abitazione e a lasciarla solo per lo stretto necessario. Vedrete che, con la collaborazione di tutti, torneremo in fretta a poter vivere Trento come vogliamo!

 

*

Mauro Corazza

Coordinatore di AGIRE per il Trentino per la Città di Trento