I Verdi del Trentino esprimono la loro solidarietà ai cinquanta lavoratori dell’Isaf di Storo che a breve si troveranno senza lavoro.

Dopo molti mesi di notizie allarmanti ieri è arrivata la comunicazione ai sindacati del blocco della produzione. Fino al 31 dicembre vige il blocco ai licenziamenti ma successivamente 50 famiglie finiranno sul lastrico.

La chiusura dell’ Isaf rappresenta un ulteriore tassello alla crisi industriale e occupazionale che negli ultimi anni ha colpito la valle del Chiese.

Auspichiamo che, perdurando ancora per due mesi il blocco dei licenziamenti, la Provincia provveda celermente ad attivare interventi per la salvaguardia della produzione e dei posti di lavoro, eventualmente ricercando nuovi imprenditori interessati a reinvestire.

 

*

Lucia Coppola
Portavoce dei Verdi del Trentino