VIDEONEWS & sponsored

(in )

COPPOLA (FUTURA) – INTERROGAZIONE: « TRENTINO TRASPORTI E SERVIZI DI TRASPORTO SUBAPPALTATI, POSSIBILI CONFLITTI DI INTERESSE? »

L’art. 15 della LP n. 16/1993 (Disciplina dei servizi pubblici di trasporto in provincia di Trento) recita: “Previa autorizzazione dell’assessore provinciale, al quale è affidata la materia delle comunicazioni e trasporti, gli autobus destinati al noleggio con conducente possono essere impiegati in servizio di linea e viceversa. L’autorizzazione è concessa solo nel caso in cui sia comunque garantito il regolare svolgimento dei servizi”.

In un comunicato del 19 ottobre 2012 l’allora assessore ai trasporti ha voluto rimarcare le intenzioni della Giunta provinciale di estendere i servizi subaffidati sino ad una soglia del 10 per cento, dichiarando che sugli oltre 14 milioni di chilometri complessivi del servizio extraurbano, poco più dell’8 per cento – 1.300.000 – erano quelli affidati alle imprese private da Trentino Trasporti esercizio. Tutto questo a seguito di uno studio di Trentino Trasporti che dimostrava un risparmio per le casse pubbliche. Il servizio di affidamento in subappalto è tutt’ora in essere. Le corse di cui sopra sono affidate a Cat (Cooperativa autotrasportatori Trento). Fin qui niente da eccepire, esternare alcune corse a favore di privati a fronte di un reale risparmio rappresenta sicuramente una scelta avveduta, quello che lascia perplessi è quanto apparso sulla stampa locale pochi giorni fa. L’articolo ipotizzava che vi sia un rapporto di parentela fra il Dirigente del Servizio trasporti della Provincia e un rappresentante di una ditta subappaltatrice.

Ciò premesso interrogo il presidente della Provincia per sapere:
ad oggi quale sia la percentuale dei servizi di trasporto subappaltati;
quali linee urbane e extraurbane coprono;
se si ritiene sempre conveniente la scelta di subappaltare alcune corse;
da quanti anni l’attuale dirigente del servizio trasporti si occupa di TPL e con quali mansioni (incarichi);
se corrisponde al vero, come riportato dalla stampa recentemente, che il dirigente del Servizio trasporti della Provincia di Trento abbia rapporti di parentela con un rappresentante di una ditta che ha in subappalto da Trentino trasporti il servizio di trasporto;
in caso di risposta positiva, se ritenga che questo rappresenti un conflitto di interessi e in questo caso se intenda procedere con la rotazione del Dirigente;
se non convenga che una sistematica rotazione dei dirigenti risolverebbe a monte casi come quello precedentemente citato.

 

*

Cons. Lucia Coppola