VIDEONEWS & sponsored

(in )

COPPOLA (FUTURA) – INTERROGAZIONE * SCUOLA E COVID: « A SETTEMBRE TUTTI GLI STUDENTI SARANNO FORNITI DELLA DOTAZIONE INFORMATICA NECESSARIA PER L’ISTRUZIONE ON-LINE? »

Organizzazione della famiglia che dovrà seguire gli studi on line dei figli, formazione professionale per l’esercizio della didattica a distanza, carenza di insegnanti e di dotazione informatiche, ottimizzazione delle modalità di apprendimento per le scuole primarie, riapertura di asili nido e scuole materne, modalità di studio per le scuole professionali, organizzazione delle mense scolastiche e delle zone di aggregazione e studio. Alcuni dei quesiti posti.

 

*

SULLA RIAPERTURA A SETTEMBRE DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO
In questi giorni il mondo scolastico sta ragionando sui possibili scenari dell’istruzione del prossimo futuro.

Ormai è assodato che la scuola ripartirà a settembre 2020. Difficile, se non impossibile, immaginare una ripresa della didattica con presenza a scuola. Le strutture scolastiche non hanno la capacità di ospitare tutti gli studenti, gli insegnanti, il personale amministrativo e ausiliario mantenendo le distanze di sicurezza. Si ragiona su un doppio turno settimanale con metà classe presente a scuola e l’altra metà on line.

La medesima turnazione la si prevede per i trasporti pubblici. I mezzi di trasporto pubblico sono già in tempi normali sovraffollati. Come si potrà garantire il trasporto a tutti gli studenti mantenendo le distanze di sicurezza? La soluzione sarebbe prevedere un acquisto massiccio di nuovi autobus e l’ assunzione di nuovi autisti. Una strategia difficilmente percorribile dal punto di vista economico.

 

 

Quanto premesso pone dei quesiti e per questo interrogo il presidente della Provincia di Trento e l’assessore competente per sapere:

considerato che con tutta probabilità si continuerà almeno in parte con la didattica on line, come pensa si possa organizzare una famiglia, quando entrambi i genitori lavorano, per seguire i propri figli durante lo studio;

se ritenga sia necessario prevedere una formazione più approfondita agli insegnanti sulla didattica a distanza;

se considera percorribile la richiesta sindacale di concedere il bonus di 500 euro agli insegnanti, già previsto a livello nazionale, da utilizzare per la propria formazione tecnologica;

se si ritiene che a settembre tutti gli studenti saranno forniti della dotazione informatica necessaria per l’istruzione on line;

considerato che con tutta probabilità l’insegnamento verrà impartito con modalità turnistica e quindi ci saranno insegnanti impegnati nell’ istruzione in classe e altri in quella on line, come si intende affrontare il problema della scarsità di docenti;

come si pensa di organizzare la didattica a distanza negli istituti professionali che prevedono studio e applicazione in laboratorio;

come si pensa di ottimizzare la possibilità di apprendimento per gli studenti delle elementari, considerata la difficoltà di un bambino di mantenere per molte ore l’attenzione

nelle lezioni on line e la mancanza del contatto diretto con i docenti, molto importante in quella fase scolastica;

si sta valutando come riorganizzare le mense scolastiche e gli spazi comuni di studio e aggregazione;

come si intende procedere con la riapertura degli asili nido e le scuole materne:

se non ritenga imprescindibile in questa fase coinvolgere tutti i rappresentanti della scuola, sociologi, e altre professionalità utili perché il nuovo anno scolastico riparta su basi solide e condivise.

Cons. Lucia Coppola