Pare che alcuni reparti dell’ospedale di Rovereto siano stati invitati dai vertici ospedalieri ad affiggere all’ingresso un cartello indicante la percentuale di sanitari appartenenti al reparto che si sono sottoposti a vaccinazione influenzale, adducendo come motivazione il fatto che risulterebbero pochi i soggetti vaccinati.

Tale cartello è visibile a chiunque, operatori interessati e non.

Sarebbe stato forse più opportuno inviare una lettera per sollecitare i collaboratori a sottoporsi alla vaccinazione, in modo tale che coloro che fossero contrari potessero esprimere, per iscritto, le motivazioni.

Tutto ciò premesso si interroga il Presidente della Provincia di Trento per sapere:

1. in base a quale norma la direzione sanitaria ha potuto accedere ai dati sensibili personali dei dipendenti per accertare se si sono sottoposti a vaccinazione (peraltro non obbligatoria);

2. se non fosse stata più opportuna una corrispondenza limitata tra i vertici ospedalieri e il primario del reparto, sollecitando la vaccinazione antinfluenzale da parte degli operatori sanitari.

 

*

cons. Lucia Coppola