VIDEONEWS & sponsored

(in )

COPPOLA (FUTURA) – INTERROGAZIONE * CASTEL MALOSCO: « LA PAT INTENDE ACCERTARE COME SIA STATO POSSIBILE RILASCIARE L’AUTORIZZAZIONE AD EDIFICARE SU QUESTO SITO? »

Recentemente, dopo una interrogazione dell’agosto scorso, alla quale non ho ancora ricevuto risposta, ho presentato una proposta di mozione su Castel Malosco, con la quale ho chiesto l’impegno della Giunta provinciale a verificare l’opportunità di definire la destinazione d’uso del Castello, bene di interesse culturale accertato, al fine di mettere in atto interventi di recupero e valorizzazione.

Ho chiesto inoltre l’impegno ad intervenire quanto prima sul maniero con un lavoro di consolidamento, manutenzione e restauro, al fine della sua valorizzazione ed integrazione nel progetto di promozione e valorizzazione del territorio.

L’assetto attuale del Castello, molto semplice, conserva un tratto della cinta muraria e il palazzo rinascimentale, compatto e massiccio, sviluppato attorno alla torre-mastio medievale.

Castel Malosco, attualmente di proprietà della Provincia, attende di rinascere a nuova vita e di trovare una collocazione importante all’interno del nostro patrimonio storico-culturale.

Ora il colpo di scena. Percorrendo la statale che porta a Passo Palade si poteva, purtroppo parlo al passato, godere della vista di Castello di Malosco, che ben si integra in un territorio di grande bellezza.

Purtroppo si è pensato bene di costruire a ridosso del Castello la torre di esercitazione dei Vigili del Fuoco, che nasconde quasi totalmente il Castello alla vista.
Non si vuole assolutamente far polemica sulla dotazione ai Vigili del Fuoco volontari di questa struttura, considerato il loro lavoro straordinario e gratuito a favore di tutta la comunità.

Quello che appare paradossale è la posizione in cui la torre è stata costruita, proprio a ridosso del castello, mettendo in ombra e “offuscando” di fatto il valore di un gioiello storico architettonico che attende solo di rivivere e dare lustro non solo al paese di Malosco ma a tutta la Val di Non, dove si trovano tanti castelli di alto pregio e di grande richiamo turistico.

 

*

Ciò premesso interrogo il Presidente della Provincia per sapere:

se sia a conoscenza di quanto sopra riportato;

se non condivida il fatto che la torre per le esercitazioni dei Vigili del Fuoco sia stata realizzata in una posizione assolutamente non appropriata e senza tener conto del

valore storico e architettonico di Castel Malosco, che viene oscurato dalla struttura;

se intenda accertare come sia stato possibile rilasciare l’autorizzazione ad edificare su questo sito e se vi siano delle responsabilità riconducibili agli uffici provinciali;

se per la realizzazione di strutture (come la torre) adiacenti a beni che presentano interesse artistico, storico, archeologico e altro e quindi tutelati dalla legge, ci siano vincoli particolari da rispettare e se in questo caso siano stati ottemperati.

 

*

Lucia Coppola
consigliera provinciale FUTURA