VIDEONEWS & sponsored

(in )

COPPOLA (FUTURA) – INTERROGAZIONE * CASE DI RIPOSO / CONTAGIO COVID19: « TRE INTERROGATIVI SULLA GESTIONE DELLE RSA »

L’Italia piange oggi – 10 aprile 2020 – la scomparsa di 18.279 persone per coronavirus, tra le quali più di 130 operatori della Sanità tra medici, infermieri e OSS.

Anche sul nostro territorio la situazione è drammatica, in particolare nelle strutture per anziani, ove i decessi per COVID19 sono ufficialmente 67 ma 282 risultano gli anziani morti in tale periodo.

Si interroga pertanto il presidente della Provincia di Trento per sapere:
se intenda verificare se all’interno delle Rsa e delle strutture di accoglienza per persone in difficoltà siano state violate le disposizioni in materia di sicurezza, previste dal Testo Unico n. 81 del 2008, in materia di protezione dal rischio biologico;
quanti residenti di tali strutture sono state sottoposti a tampone rispetto a quanti hanno manifestato disturbi di tipo Covid;
quanti sono i medici e gli operatori risultati positivi al Coronavirus, quanti sono in quarantena, divisi per strutture;
le motivazioni per le quali non si sottopongono ad un tampone tutti gli operatori delle RSA, un’azione che si sarebbe dovuta fare subito, ad inizio epidemia, in modo da isolare immediatamente il focolaio;
le motivazioni per le quali non si sono forniti all’inizio della epidemia a tutti gli operatori sanitari adeguati strumenti di protezione;
se e quali Rsa hanno avuto la possibilità di dividere al loro interno i contagiati dalle persone ancora indenni;
se sono state verificate ed eventualmente modificate le modalità di pulizia e disinfezione degli ambienti;
se le aree di isolamento sono state fornite di materiale per le pulizie diverso da quello utilizzato nelle altre aree di assistenza;
se non ritenga che escludere dal calcolo dei morti per Covid le persone ricoverate con altre patologie importanti e decedute sia fuorviante per una corretta lettura dei dati;
come intende rispondere alla recente richiesta di 34 operatori della Rsa Vannetti di Rovereto che chiedono una completa sanificazione della struttura, e una maggior tutela;
che tipo di formazione hanno ricevuto i referenti Covid, che hanno il compito di tenere i contatti con l’Apss e fornire indicazioni operative agli operatori per la corretta adozione di procedure standard, verificandone la corretta applicazione;
se sono state sanificate tutte le RSA e strutture che ospitano persone in difficoltà e se ognuna ha un referente Covid;
quanto ritenga abbia pesato nella diffusione del virus la scelta di permettere, contrariamente alle direttive nazionali, l’ingresso in Rsa di una persona per residente.

 

*

Cons. Lucia Coppola