INTERVISTA AL SEGRETARIO UIL DEL TRENTINO, WALTER ALOTTI

Focus su: Bilancio Pat - Partecipate Pat - Concertazione Sindacati

Premesso che: da più settimane la pacifica popolazione civile e tutte le strutture (compresi gli ospedali, le scuole, le abitazioni, i centri di protezione civile) della Repubblica dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) vengono cannoneggiati e distrutti con attacchi missilistici da parte delle forze armate dell’Azerbaigian, con l’aiuto palese e proclamato dei militari dell’esercito della Turchia, aiutati dai terroristi islamici portati appositamente sul territorio dalla Siria attraverso la Turchia;

la Repubblica dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) è un simbolo per tutto il popolo armeno, disperso nel mondo a causa del Primo Genocidio del XX secolo perpetrato dalla Turchia Ottomana. Tra le sue montagne l’antichissima civiltà armena si è tramandata nei secoli. Da qui hanno preso vita, in diversi momenti storici, iniziative di rinascita culturale e movimenti per l’autonomia e l’integrazione nazionale;

la Repubblica dell’Artsakh (Nagorno Karabakh) da più di un secolo rivendica la propria annessione all’Armenia, prima Repubblica Sovietica e da trent’anni Paese sovrano;
è arrivato il momento che i governi di tutto il mondo riconoscano ufficialmente questo Paese che è già di fatto una repubblica, con la propria struttura statale e governativa, democraticamente eletta dal proprio popolo;

i cittadini italiani di origine armena, riuniti nell’Unione degli Armeni d’Italia chiedono alle autorità governative italiane di riconoscere questo piccolo paese, perché diventi direttamente un interlocutore autorevole del nostro Governo. Con questo atto non solo aiuteremo a ripristinare una verità storica e attuale, ma aiuteremo a far cessare i gravi attacchi militari in atto da parte del triunvirato azero-turco-terroristico, che stanno causando numerosi morti e un alto numero di feriti fra la popolazione civile e la distruzione delle infrastrutture;

il Consiglio della Provincia autonoma di Trento impegna la Giunta provinciale a:

promuovere presso le nostre autorità nazionali il riconoscimento della Repubblica dell’Artsakh quale atto di civiltà che garantisca alla popolazione di vivere libera dalla guerra, dal genocidio e dalla violenza.

 

*
Cons. Lucia Coppola