INTERVISTA AL SEGRETARIO UIL TRASPORTI DEL TRENTINO

NICOLA PETROLLI

Focus su: Trasporto urbano Trento - Rovereto/Riva del Garda

 Ferrovia Trento/valli Avisio - Contratto Pat

Prendo atto con viva soddisfazione della risposta positiva dell’assessora Segnana alla mia interrogazione, discussa questa mattina in Consiglio provinciale, con la quale ho chiesto l’ istituzione di una struttura complessa di malattie infettive presso l’ospedale S. Chiara di Trento. Più volte da me sollecitata attraverso gli atti politici, la sua realizzazione rappresenta non solo un atto organizzativo di enorme vantaggio per la sanità trentina, ma soprattutto un adeguamento alla programmazione sanitaria nazionale.

Con l’arrivo della pandemia da Covid-19 le malattie infettive, già in incremento in relazione alle infezioni da HIV e da HCV e altre, costituiscono il principale problema sanitario trentino che richiede una regia adeguata nella prevenzione, cura e controllo. Tale regia è identificabile appunto in un Struttura Complessa di malattie infettive presso l’Ospedale S Chiara di Trento. Attualmente esiste presso l’Ospedale S Chiara una struttura semplice interdipartimentale il cui responsabile, da tempo, non è più in servizio. Tale struttura è inadeguata ad affrontare gli enormi problemi socio sanitari creati dalla pandemia Covid-19 e dalle rimanenti malattie infettive.

Confido che la realizzazione della struttura, con la nomina di un primario, non si faccia attendere troppo, al fine di assicurare a tutta la popolazione trentina una gestione qualificata delle malattie infettive.

*

Cons. Lucia Coppola

consigliera provinciale/regionale
Gruppo Misto/Europa Verde