VIDEONEWS & sponsored

(in )

COPPOLA (EUROPA VERDE) – INTERROGAZIONE * DISABILI – ATTIVITÀ SPORTIVA: « PERCHÉ LA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI NON È STATA ANCORA PREDISPOSTA? »

Ritardi nella graduatoria: portatori di handicap senza risorse. Le associazioni che offrono attività di sostegno alle persone con handicap, per svolgere attività sportiva, sono in difficoltà per organizzare la propria attività perché la graduatoria di assegnazione dei contributi non è stata ancora predisposta.

La graduatoria riguarda le domande presentate entro il mese di ottobre del 2020.

L’art. 76 della legge provinciale sullo sport prevede che entro 120 giorni – vale a dire entro febbraio dell’anno successivo – il dirigente del servizio predisponga la graduatoria che consente, a chi è stato ammesso a contributo, di conoscere l’entità del finanziamento e le modalità di erogazione.
Con queste informazioni essenziali ed indispensabili, chi ha presentato domanda di contributo può avviare l’attività a sostegno dei disabili che ne fanno richiesta.
Purtroppo la graduatoria che avrebbe dovuto essere predisposta entro febbraio 2021 non è stata ancora predisposta (oppure non è stata ancora resa pubblica) e quindi la programmazione dell’attività è bloccata.

Tenuto conto che queste attività a sostegno delle persone con disabilità hanno anche un riflesso economico positivo sull’occupazione, non si comprendono le ragioni per le quali la graduatoria non è stata ancora approvata e resa pubblica.
E non si può certo imputare alla pandemia da COVID il ritardo intercorso. In ogni caso la graduatoria si sarebbe dovuta approvare, salvo poi decidere se erogare i contributi in base alla situazione sanitaria, che peraltro sta evolvendo positivamente, anche grazie alle migliaia di persone che si sono sottoposte alla vaccinazione.

 

*

Tutto ciò premesso interrogo il Presidente della Provincia di Trento per sapere:

quali siano le ragioni per le quali non è stata predisposta la graduatoria (oppure non è stata resa pubblica) per assegnare i contributi a sostegno dell’acquisto di ausili sportivi per l’attività sportiva a favore dei disabili;

se i fondi siano disponibili anche per il corrente anno e, presumibilmente, entro che data saranno erogati;

se non ritenga doveroso e opportuno informare chi ha presentato la domanda di contributo, se e quando verranno erogati i fondi, in modo tale da consentire l’avvio delle attività, tenuto conto che, per quanto riguarda le limitazioni imposte dalla pandemia, si va ormai rapidamente verso la cosiddetta “zona bianca” e quindi eventuali divieti o limitazioni dovrebbero sparire.

 

*

Cons. Lucia Coppola

consigliera provinciale/regionale
Gruppo Misto/Europa Verde