In questo particolare periodo storico, caratterizzato dall’emergenza Coronavirus quella della cooperativa sociale Chindet, con sede a Villalagarina, è una funzione sociale che viaggia su un doppio binario.

Il primo favorisce l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate che in questo giorni richiedono attenzione e cura maggiori che in tempi ordinari.

Il secondo, altrettanto importante in tempo di Covid-19, ha orientato in maniera particolare la propria produzione verso prodotti igienizzanti oggi particolarmente richiesti e utilizzati.

Dalla sede del paese della Vallagarina ci si è concentrati in maniera particolare sulla produzione di gel a base alcolica particolarmente indicato per la pulizia delle mani e su prodotti per l’igiene delle superfici.

Insomma, il periodo è particolarmente intenso anche per la cooperativa Chindet.

Basta un dato per farlo comprendere con immediatezza: si è passati da una produzione normale di 20 mila chili di prodotto al giorno a una produzione esattamente doppia che raggiunge tranquillamente i 40 mila chili. I turni sono stati potenziati ma l’obiettivo, dimostrando ulteriore sensibilità, è di non aumentare il prezzo del prodotto.
Due fasi caratterizzano la produzione.

La prima appartiene alle miscele. La seconda al confezionamento. Per quest’ultimo ci si avvale anche di una linea di produzione collocata all’interno del carcere di Trento, in località Spini di Gardolo, dove operano una quindicina di detenuti.

I prodotti che escono dallo stabilimento della cooperativa Chindet hanno una destinazione precisa: a servizio di tutte le persone che, in moltissime strutture, sono impegnate nella quotidianità in prima linea nella lotta al Coronavirus.