Trentino: 11 nuovi alloggi sociali per le famiglie di Lavis.

Sono ormai quasi 350 gli appartamenti messi a disposizione delle famiglie del territorio grazie all’iniziativa sostenuta dalla Provincia Autonoma di Trento e promossa da Cassa Depositi e Prestiti (CDP)

Il progetto residenziale “condominio Emilia” in via dei Felti è stato realizzato dal Fondo Housing Sociale Trentino, gestito da Finint Investments SGR

Taglio del nastro oggi a Lavis (Tn) per il nuovo condominio Emilia, la sedicesima iniziativa del Fondo Housing Sociale Trentino gestito da Finint Investments SGR che rende disponibili 11 alloggi (7 bicamera e 4 tricamera) di nuova costruzione da destinarsi alla locazione a canone calmierato (costo dell’affitto ridotto del 30% rispetto al mercato), rivolta a quella fascia “grigia” di popolazione che non ha la possibilità di soddisfare il proprio fabbisogno abitativo accedendo al libero mercato ma allo stesso tempo non possiede i requisiti per accedere all’edilizia pubblica popolare.

La Provincia Autonoma di Trento e CDP Investimenti SGR S.p.A. (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti) hanno istituito nel 2013 il fondo locale “Housing Sociale Trentino”, gestito da Finanziaria Internazionale Investments SGR S.p.A., che utilizza risorse provenienti in maggioranza dal fondo “F.I.A. – Fondo Investimenti per l’Abitare”, piattaforma istituita a livello nazionale dal Gruppo CDP per realizzare gli interventi di housing sociale.

Dall’inizio del 2015 il Fondo HST ha completato 345 alloggi distribuiti in 16 iniziative, pari a circa il 70% dei 500 appartamenti previsti. Il percorso del Fondo è ormai tracciato e si avvicina, ad ampie falcate, al traguardo di 500 alloggi da realizzare e destinare alla locazione calmierata a lungo termine. Infatti, sono in corso di realizzazione circa ulteriori 150 alloggi nei Comuni di Trento, Rovereto, Borgo Valsugana, Arco, Ala, Mezzolombardo.

La Comunità Rotaliana-Königsberg ha curato l’emanazione del bando e la redazione della graduatoria per la selezione degli inquilini del comune Lavisano, tra i soggetti aventi i requisiti previsti dalla legge provinciale 7 novembre 2005, con una condizione economico-patrimoniale familiare compresa tra i valori Icef 0,16 e 0,39.

Successivamente, la Comunità Rotaliana-Königsberg e Coopcasa, il Gestore socio-immobiliare del Fondo, hanno aiutato e consigliato le persone nella scelta dell’alloggio più adatto, fornendo tutte le informazioni necessarie sulle caratteristiche tecniche e sulla conduzione dell’immobile. Sono stati così assegnati tutti gli 11 alloggi disponibili.

«Siamo orgogliosi del lavoro svolto sino ad ora dal Fondo – sostiene Sara Paganin, Senior Fund Manager di Finint Investments SGR – La sinergia con gli operatori del territorio consente di combinare canoni contenuti con alta qualità e comfort energetico. L’ottimo riscontro presso l’utenza conferma che il Fondo è riuscito a rispondere adeguatamente all’emergenza abitativa del territorio provinciale».

“Siamo davvero soddisfatti – evidenzia l’assessore Stefania Segnana – per questo nuovo importante intervento di Housing sociale qui a Lavis. E’ uno strumento strategico che sostiene la cosiddetta fascia ‘grigia’ della classe media, quella parte di popolazione che non può permettersi di acquistare un alloggio e non rientra nei canoni dell’edilizia sociale. E’ una strada interessante, una risposta importante alla domanda di alloggi espressa da una fascia di popolazione composta da giovani e nuove famiglie. Ci auguriamo che grazie a questa opportunità di accesso agevolato al mercato della casa, nuove famiglie possano serenamente pensare a costruire il proprio progetto di vita”.A