VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PROVINCIALE TRENTO * TAVOLO LEGGI: « L’ISTITUZIONE DELL’ORGANISMO BIPARTISAN, PREVISTO DALLA NORMATIVA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEI CAPIGRUPPO »

Torna il Tavolo di valutazione delle leggi

​Sta per ripartire il Tavolo di coordinamento per la valutazione delle leggi provinciali. L’istituzione dell’organismo che già aveva lavorato nel corso dell’ultima legislatura, è in programma martedì 9 luglio, quando i capigruppo si incontreranno per definire i tempi dell’esame in Aula della manovra di assestamento del bilancio provinciale 2019 previsto nella settimana 22-25 luglio. Il “Tavolo di coordinamento per la valutazione delle leggi” era stato costituito per la prima volta poco meno di cinque anni fa, il 16 settembre del 2014, in attuazione della legge 5 del 2013 con l’obiettivo di controllare l’attuazione delle leggi in vigore e valutare gli effetti concreti delle politiche che perseguono. Ne facevano parte i consiglieri Viola e Bottamedi per le minoranze, Avanzo e Passamani per la maggioranza, un assessore della Giunta provinciale coinvolto per competenza sulla normativa di volta in volta analizzata oltre, naturalmente, ai funzionari esperti della Provincia e dell’assemblea legislativa.

La presidenza del “Tavolo” venne affidata non a caso a Walter Viola in quanto promotore della legge che aveva portato all’istituzione del nuovo organismo. Organismo, quindi, politicamente bipartisan proprio perché finalizzato solo al buon funzionamento e alla possibilità di suggerire al Consiglio e alla Giunta un eventuale miglioramento delle leggi già in vigore. Leggi che non sempre trovano piena attuazione o che messe alla prova mostrano difetti, lacune o necessità di un aggiornamento. Come è avvenuto durante l’ultimo quinquenni per le leggi sull’edilizia abitativa e sulle cave, leggi sottoposte a revisione anche grazie all’impulso dato dal Tavolo di valutazione. Questo strumento potrà quindi permettere una seria verifica dello stato di salute di almeno alcune importanti normative che, pur contenendo la “clausola valutativa”, meritano di essere sottoposte ad un monitoraggio per poter mantenere ciò che promettono.