VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PROVINCIALE TRENTO – CORECOM * ATTIVITÀ PRIMO SEMESTRE 2021: « CINQUE DELIBERAZIONI – ISTRUTTORIA DI 580 ISTANZE – 77 PROVVEDIMENTI TEMPORANEI D’URGENZA – 27 DEFINIZIONI DELLE CONTROVERSIE »

Cinque deliberazioni, l’istruttoria di 580 istanze, di 77 provvedimenti temporanei d’urgenza e di 27 definizioni delle controversie. Sono solo alcuni dei numeri dell’attività del Comitato provinciale per le comunicazioni di Trento (Corecom) dall’inizio dell’anno 2021.

Tra le funzioni svolte anche la tenuta del Registro degli operatori della comunicazione (ROC) che da gennaio ha visto 7 nuove iscrizioni.

La pandemia di Covid-19 non ha certo fermato l’attività del Comitato provinciale per le comunicazioni di Trento, la cui attività è proseguita sia in presenza, sia a distanza. Comitato che, in relazione alle funzioni proprie previste dalla sua legge istitutiva, svolge un ruolo di organo di consulenza per la Giunta e per il Consiglio provinciali e un ruolo funzionale in sede locale dell’Autorità nazionale per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom).

Nel primo semestre 2021 sono state adottate cinque deliberazioni, di cui una nell’ambito delle funzioni proprie e quattro in quello delle funzioni delegate.

Di rilievo nell’operato del Corecom di Trento (presieduto da Marco Sembenotti, mentre gli altri membri del Comitato sono Alessio Marchiori e Marta Romagnoli) è l’attività conciliativa, finalizzata a risolvere le controversie tra utenti e gestori dei servizi di telecomunicazione (telefonia fissa, mobile, dato e pay-tv) che deve essere obbligatoriamente effettuata prima di ricorrere eventualmente alla giustizia ordinaria.

Un servizio che il Corecom offre dal 2007 a titolo gratuito e in tempi rapidi, con garanzia di imparzialità e indipendenza, che in molti casi ha permesso agli utenti il recupero di una somma finanziaria sotto forma di rimborso di somme non dovute o indennizzi.

Nell’ambito di quest’attività di conciliazione, funzione delegata da Agcom, dall’inizio di quest’anno il Corecom si è occupato dell’istruttoria di 580 tra istanze per procedura semplificata e in udienza. Sempre da gennaio in totale sono state 77 le istruttorie per i provvedimenti temporanei d’urgenza, 27 le definizioni delle controversie.

Gli operatori telefonici maggiormente coinvolti sono TIM Spa (44,9% delle istanze Ug e semplificate pervenute), Vodafone Italia Spa (20,6%), WindTre (16,5%), Fastweb (10,2%). Tra le
38122 TRENTO – Via Manci, 27 – Tel. 0461 213198 – Fax 0461 213155 Pec: [email protected] www.consiglio.provincia.tn.it – email: [email protected]
richieste e i disservizi più frequenti ci sono la contestazione di fatture, addebiti di costi di recesso, la mancata lavorazione di disdette o di recessi, applicazioni di condizioni contrattuali diverse, l’attivazione di servizi non richiesti, il malfunzionamento della linea, una doppia fatturazione nel passaggio tra operatori, la mancata o tardiva risposta a reclami, un’interruzione di linea per motivi tecnici e la modifica delle condizioni contrattuali.

Sempre nell’ambito dell’attività conciliativa sono a capo del Corecom anche le definizioni delle controversie, procedimenti che trattano contenziosi che non si sono risolti nel tavolo di primo livello e che rappresentano un momento risolutivo e conclusivo delle controversie stesse.

Infine, spetta al Corecom anche la tenuta del Registro degli operatori della comunicazione (ROC). Il Comitato offre agli operatori un servizio efficace e una continua assistenza per gli adempimenti previsti dalla normativa. Da un confronto con i dati degli anni precedenti si evince un costante incremento delle iscrizioni: 7 sono le nuove iscrizioni registrate nei primi sei mesi del 2021 per un totale di 192 iscritti in totali al 30 giugno 2021.

 

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF [474.63 KB]