News immediate,
non mediate!

CONSIGLIO PROVINCIA TRENTO * ASSOCIAZIONE “VACCINARE INFORMÀTI”: « LA DELEGAZIONE INCONTRA IL PRESIDENTE KASWALDER, PRESENTATE OTTO PROPOSTE »

Scritto da
15:36 - 7/09/2021

“Vaccinare Informati” ha chiesto di incontrare i consiglieri provinciali e stamane il presidente Walter Kaswalder ha loro consentito di esporre preoccupazioni e richieste sul caldissimo tema delle misure di prevenzione anti-Covid. La presidente dell’associazione -Patrizia Filippi- ha presentato 8 proposte alla politica.

Il gruppo -c’erano anche Francesca Trimeloni, Roberto Cosentino ed Elisa Daldoss (che lavora nella sanità)- chiede in sostanza:

1) Di revocare le sospensioni dei sanitari non vaccinati;

2) Di offrire prezzi sostenibili per l’effettuazione dei tamponi salivari rapidi per tutto il personale scolastico (Filippi segnala che in generale l’accesso ai test non è ben diffuso sul territorio, per esempio dalla val Rendena occorre recarsi fino a Ponte Arche o Arco);

3) Di garantire test salivari rapidi gratuiti per motivi di sport o studio;

4) Di consentire l’accesso alle biblioteche senza green pass per universitari e ragazzi oltre i 12 anni e al Conservatorio per minorenni o universitari;

6) Eliminare l’obbligo di mascherina all’aperto per gli alunni delle scuole;

7) Attivare un sistema di farmacosorveglianza attiva sugli effetti del vaccino anti-Covid, invitando tutti i medici a fare segnalazioni all’Aifa;

8) Informare le famiglie sulle mense scolastiche e impegnarsi contro la discriminazione dei cosiddetti no vax (termine che l’associazione però chiede di non utilizzare, per evitare schematizzazioni e non alimentare pericolose fratture sociali).

Daldoss ha speso parole di protesta per le misure adottate nei confronti dei sanitari non vaccinati, in specie nelle Rsa dove di conseguenza viene a mancare personale necessario. Cosentino ha opinato che si dovrebbero sottoporre a test anche i vaccinari, perché pure loro possono diffondere il virus. Trimeloni ha detto che la politica del green pass sta creando grande apprensione tra la gente.

La consigliera presenta di Lega Nord Trentino ha detto che il tema va opportunamente condotto all’esame della competente Commissione consiliare permanente.

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.