VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PAT * SECONDA COMMISSIONE: « MISURE ANTICRISI, MARTEDÌ MATTINA SARANNO DEPOSITATI GLI EMENDAMENTI “ECONOMICI” »

Misure anticrisi: martedì mattina saranno depositati gli emendamenti “economici”.

Variazione al bilancio di previsione: un emendamento di Fugatti dispone l’uso dell’avanzo di amministrazione
L’assessore Achille Spinelli ha illustrato stamane alla Seconda Commissione permanente presieduta da Luca Guglielmi, i contenuti del disegno di legge 96 che anticipa la variazione di bilancio della Pat per andare incontro alla crisi delle categorie economiche e delle famiglie e per il quale è stata chiesta la procedura d’urgenza. Confermato l’impianto già ampiamente anticipato nel giorni scorsi: il disegno di legge contiene misure di coordinamento tra la Provincia e gli enti locali introducendo interventi in materia di tributi e tariffe come le esenzioni Imis per immobili turistici, culturali e altre categorie, la facoltà dei comuni di modificare le tariffe dei servizi pubblici o di rimodulare, ridurre o sospendere i canoni di affitto e locazione dei propri immobili ecc. Il ddl prevede poi la sospensione, come lo scorso anno, del pagamento della prima rata Imis in scadenza a giugno.

La Provincia concorrerà per l’anno 2021 ai costi a carico delle imprese dell’autotrasporto internazionale per l’effettuazione dei test diagnostici di verifica del Covid necessari per l’accesso negli Stati dove sono obbligatori. Interventi sono previsti per il terzo settore nell’introduzione di elementi di flessibilità nella gestione dei rapporti di convenzione con i soggetti gestori. Per gli impianti a fune è prevista la proroga di 12 mesi delle revisioni periodiche, visto che sono di fatto rimasti chiusi per l’intera stagione invernale. Introdotte agevolazioni per l’acquisto di defibrillatori per i rifugi alpini, anche in considerazione dell’incremento degli escursionisti derivante dalla pandemia. Ridotte da 25 a 24 il numero di unità massime per ogni sezione delle scuole per l’infanzia, al fine di contenere i numeri e favorire il distanziamento nelle classi. Prevista la proroga fino al 30 giugno 2022 delle graduatorie del personale a tempo indeterminato del comparto autonomie locali in scadenza il 31 dicembre 2021 e la promozione di iniziative a sostegno del territorio attivate da operatori privati anche costituiti in forma societaria.
Proprio questa mattina è stato depositato un emendamento al ddl del Presidente Maurizio Fugatti che dispone l’utilizzo anticipato degli avanzi di bilancio 2020 per spese urgenti a fronte dell’emergenza Covid: una norma attesa che sostanzia il disegno di legge con 219 milioni di euro.

 

Il disegno di legge “abbinato” di Olivi
Alessandro Olivi (PD) ha quindi illustrato le norme contenute nella sua proposta numero 93, norme la cui discussione è stata abbinata al provvedimento della Giunta e che tendono ad indirizzare la forza finanziaria di cui l’amministrazione può disporre in questo momento su alcune priorità. L’articolo 2 va a sostegno dei lavoratori autonomi particolarmente colpiti da questa crisi: una misura che ho visto coincidere con quella anticipata dalla Giunta negli obiettivi e criteri, sostenendo le attività che hanno subito un calo di fatturato da chiusura forzata, ragionando sulla riduzione di fatturato e costi. L’articolo 3 produce uno sforzo insieme al sistema delle autonomie locali per immaginare un piano straordinario di manutenzione del territorio e il 4 agisce sul fondo di solidarietà a sostegno del reddito per i lavoratori stagionali. L’articolo 5 affronta il tema della promozione turistica garantendo che pur in una fase di transizione vi siano risorse integrate sia pure a progetto, il 6 affronta il tema dell’Imis chiedendo l’esenzione per le categorie del ricettivo, il 7 affronta il problema per cui Trentino Sviluppo potrebbe operare una esenzione dei canoni di locazione, l’8 e 9 riguardano il rafforzamento dell’accesso al credito per le imprese femminili e altri interventi di politiche attive del lavoro. Olivi ha notato che le misure proposte sono coerenti con il quadro che la Giunta ha rappresentato ed ha quindi auspicato che si possano trovare alcuni elementi di unità.
L’emendamento del presidente Fugatti, ha aggiunto, chiarisce un primo elemento rispetto alla dotazione finanziaria di utilizzo dell’avanzo. Chiedo che quello che seguirà sia un percorso condiviso, ha concluso Olivi rivolto all’assessore, ovvero che gli emendamenti mancanti seguano un terreno di confronto e di utile cooperazione.
L’assessore Spinelli ha confermato l’intenzione della Giunta di portare a conoscenza dei commissari le misure per consentire una valutazione preventiva delle politiche che si intendono adottare. Si tratta di una corsa contro il tempo, ha detto, ma entro martedì dovremmo poter depositare gli emendamenti della parte economica della manovra.

 

Gli spunti dei consiglieri
Hanno chiesto chiarimenti su alcune norme ed espresso alcune brevi valutazioni i consiglieri Lorenzo Ossanna (Patt), Devid Moranduzzo (Lega), Paolo Zanella (Futura), Lucia Coppola (Misto-verdi per l’Europa), Filippo Degasperi (Onda Civica). Ossanna ha chiesto approfondimenti in merito alle esenzioni Imis, Moranduzzo ha espresso apprezzamento per la manovra illustrata auspicando l’arrivo delle risorse Stato. Zanella ha raccomandato la condivisione tempestiva degli emendamenti, almeno prima delle audizioni perché sarebbe poco utile oltre che poco rispettoso sentire le parti economiche e sociali senza che queste abbiano potuto valutare i contenuti definitivi del testo. Simili le considerazioni di Lucia Coppola che ha espresso l’auspicio che si possa entrare presto nel merito della proposta. Coppola ha poi giudicato risibile il passaggio da 26 a 25 alunni per classe al fine di ridurre i rischi sanitari: mi piacerebbe che su questo punto ci fosse un ripensamento, ha aggiunto. Degasperi ha sottolineato la vaghezza del disegno di legge e ha suggerito, per ragioni di equità, l’esenzione Imis, oltre che per le case vacanze gestite da soggetti economici, anche per quelle affittate da privati cittadini. Ha poi chiesto chiarimenti con riferimento alla riduzione delle sanzioni in violazione degli obblighi occupazionali nel 2018 e 2019. E per quelli però che le sanzioni le hanno già pagate come si intende agire? E’ indubbio che qui si originano delle discriminazioni, ha obiettato. Infine, ha sollevato al questione dell’articolo 7, laddove si parla di concorrenza e mercato per i servizi trasporto infermi, teoricamente affidati al volontariato: una contraddizione in termini, ha osservato.

La replica dell’assessore
Spinelli ha replicato che la misura sulla riduzione delle classi è un primo passaggio, affermando che da martedì si potranno approfondire meglio questi passaggi. A Zanella ha risposto che è l’intenzione è quella di portare a conoscenza l’articolato in tempi rapidi anche ai soggetti auditi così che possano esprimersi con cognizione di causa, anche se non ci saranno novità rispetto a quanto dichiarato. La riduzione delle sanzioni legata alla violazione sugli obblighi occupazionali è stata considerata esclusivamente rispetto al periodo storico: dobbiamo trovare un compromesso accettabile, ha detto. Sugli aspetti Imis ha risposto l’assessore Roberto Failoni chiarendo che per l’esenzione degli appartamenti iscritti al Cipat gestiti non in forma imprenditoriale, si valuterà di trovare una risposta magari condivisa con la minoranza.

Ipotizzata la data di mercoledì per le audizioni, per proseguire a partire da giovedì 29 nel pomeriggio, ipotizzando di completare l’esame entro venerdì. Il presidente Luca Guglielmi ha chiesto alla Giunta di anticipare le norme emendative prima possibile.