VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PAT * IV COMMISSIONE: « SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE, SÌ ALL’UNANIMITÀ PER LA DELIBERAZIONE CON CUI LA GIUNTA NE MODIFICHERÀ IL REGOLAMENTO »

La IV Commissione consiliare – presieduta da Claudio Cia – stamane ha espresso parere positivo all’unanimità verso la deliberazione con cui la Giunta modificherà il regolamento sul servizio civile provinciale.

Si tratta di un adeguamento puntuale che consegue alla ormai netta differenziazione tra servizio civile nazionale, con la sua disciplina, e parallelo servizio civile gestito dalla Provincia Autonoma.

I consiglieri – che hanno tutti elogiato la positività dell’esperienza che i ragazzi possono fare, nella loro fase di transizione verso l’età adulta – hanno fittamente dialogato con i dirigenti Pat. A Cia è stato spiegato che la non ammissione di ragazzi con condanne penali riguarda solo sentenze definitive per reati che comportano l’uso della violenza.

È stato spiegato che il ragazzo in S.c.p. percepisce 600 euro al mese, ma la Pat sostiene anche il costo dell’assicurazione antinfortunistica. A Paola Demagri è stato detto che le persone con disabilità sono ammissibili al pari delle altre, pur non essendo pensato il s.c.p. come misura di sostegno a questa fascia sociale. Il servizio civile non è d’altro canto “lavoro”, anche se poi il 75% dei ragazzi trova facilmente occupazione, il 10% proprio nello stesso ente presso cui ha operato.

Come ha annotato Cia, spesso i giovani scoprono lungo la strada le loro passioni e propensioni professionali. Lucia Coppola ha argomentato che il S.c.p. è utile anche per gli enti e soggetti convenzionati, nei quali i ragazzi portano gioventù e punti di vista nuovi.