VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO PAT * COVID: « HANNO FATTO DISCUTERE LE POSIZIONI DI FUGATTI DIFFORMI DA QUELLE COMUNICATE SULL’ORIENTAMENTO IN MERITO ALL’ANTICIPO DEL LOCKDOWN »

35 gli ordini del giorno alla manovra finanziaria esaminati nel pomeriggio, interrotti da comunicazioni e dibattito sul tema del lockdown e sul tema dei vaccini. Ha fatto molto discutere un comunicato stampa diramato da un’Agenzia giornalistica che riporta posizioni di Fugatti, sottoscritte congiuntamente a diversi governatori della Lega, difformi da quelle comunicate in aula sull’orientamento in merito all’antuicipo del lockdown.

 

 

 

Ugo Rossi, in apertura della seduta pomeridiana, ha ricordato che dopo le dichiarazioni del Presidente della Giunta sulla situazione Covid della mattinata è stato diffuso un lancio Ansa nel quale si afferma che Fugatti avrebbe chiesto al Governo di anticipare la zona rossa. Il capogruppo ha chiesto quindi a Maurizio Fugatti quale sia la posizione ufficiale della Giunta, se la notizia sia vera oppure no, perché la comunicazione fatta in Aula non è stata questa, ma si è detto che si sarebbe valutata con il ministro Boccia l’opportunità di anticipare a questo fine settimana la zona rossa.

Fugatti ha chiarito la posizione espressa: “durante la riunione di questa mattina con le Regioni e i ministri Boccia e Speranza, il Governo ha anticipato un’ipotesi di chiusura dal 24 dicembre al 6 gennaio e ha chiesto un parere alle Regioni. La gran parte delle Regioni, compreso il Trentino, ha dato parere positivo. Poi altre Regioni hanno chiesto l’anticipo a questo week-end. Si deciderà domani. Noi non abbiamo chiesto questo, attenderemo quello che si dirà domani per capire con quali proposte arriverà il Governo. Tecnicamente, un territorio potrebbe decidere con le sue prerogative, ma questo è un altro tema”.
Savoi (Lega) è intervenuto per fare presente che le minoranze hanno chiesto, con un comunicato, a Fugatti di anticipare al 19 la zona rossa. Ma, ha ribadito, decide il Governo che decide da solo e alla Pat non spetterà altro che prenderne atto. Anche se saremo zona rossa per tutto gennaio e forse arancione a febbraio e che queste chiusure sono un dramma.

A metà pomeriggio il presidente Fugatti è intervenuto nuovamente a informare l’aula su un tema importante, quello dei vaccini e in particolare sull’incontro tecnico avuto stamattina con la Pfeizer.
La stessa Pfeizer ha precisato che prima di poter essere immesso sul mercato il vaccino è stato sottoposto a numerosi studi sull’efficacia e sulla sicurezza. Il semplice vaccino, ha aggiunto, non contiene frammenti di visus e non può riprodurre la malattia, ma funziona in modo da stimolare la produzione di anticorpi. Vengono somministrate due dosi a distanza di 21 giorni, rispettando la catena del freddo e in questo senso diventano estremamente importanti gli aspetti logistici e organizzativi. Il vaccino della Pfeizer è risultato al 94% efficace negli anziani e ha dato luogo a effetti collaterali rarissimi, rivelandosi un rimedio a grande impatto per sconfiggere questa malattia. Insomma, dalla riunione tecnica sul vaccino è emerso un messaggio di efficacia e un profilo clinico che ci fa stare tutti estremamente tranquilli. Il commissario straordinario per il Coronavirus Domenico Arcuri sta organizzando l’invio delle prime forniture: al Trentino in questa prima fase saranno consegnate 18.700 dosi. I primi ad essere sottoposti a vaccinazione saranno il personale operante nei presidi sanitari pubblici e privati, il personale socio sanitario e il personale e gli ospiti delle rsa. La prima somministrazione partirà nel mese di gennaio, mentre Arcuri ha fatto un bando per assumere allo scopo 1800 persone: ancora non sappiamo se alcuni di questi saranno destinati al Trentino.

Un’ora prima della chiusura dei lavori la questione della pandemia è tornata al centro del dibattito, con Sara Ferrari (PD) che ha chiesto nuovamente conto del lockdown e dell’ipotetica chiusura anticipata richiamando un comunicato stampa diramato da un’Agenzia giornalistica che riporterebbe le dichiarazioni congiunte di Salvini, Fedriga, Fontana, Fugatti, Coletta, Spirlì e Zaia, difformi rispetto a quanto comunicato da Fugatti. Nel testo, cioè, si definisce impensabile l’ipotesi di una chiusura anticipata al prossimo weekend , senza programmazione e senza certezza e si chiede al Governo, qualora si decidesse per la zona rossa dal 24 dicembre, una deroga per trascorrere il Natale in famiglia e immediati rimborsi per le attività economiche danneggiate. La replica l’ha fatta Alessandro Savoi che ha supplicato di finirla con le polemiche ed ha chiarito che sarà il Governo a decidere e che noi non andremo certo dal Ministro a chiedere di chiudere prima del resto d’Italia: semplicemente attenderemo e ci adegueremo alle decisioni del Governo e al Dpcm di Conte.

L’assessore Bisesti ha aggiunto che Fugatti ha presenziato in aula per buona parte del pomeriggio, riportando la propria posizione, rispetto alla quale non c’è altro da aggiungere. Il presidente si è sempre reso disponibile a riferire all’aula, ha osservato il consigliere Claudio Cia, che ha notato come i mezzi di informazione creino spesso incertezza e disorientamento. Il comunicato delle opposizioni di oggi fa emergere una posizione sostanzialmente diversa della maggioranza che ha invece sempre difeso le aperture e ha mostrato maggiore sensibilità rispetto alle categorie economiche, ha notato Roberto Paccher (Lega). C’è un preciso virgolettato riferito a Fugatti che andrebbe chiarito, ha aggiunto Zeni (PD). Filippo Degasperi (Onda Civica) ha tenuto a precisare che il comunicato sottoscritto dalle minoranze parla chiaro e prende atto di una situazione estremamente preoccupante, chiedendo che in qualche misura di questo si tenga conto attuando misure più stringenti rispetto a quelle attuali. Detto questo Fugatti ha dichiarato che la Pat, rispetto ad un’ipotesi di anticipo di chiusura non si è dichiarata contraria, mentre il comunicato Ansa dice diversamente: occorre fare chiarezza.
Anche Paolo Zanella (Futura) ha ammesso che Fugatti sembrava aver preso atto della gravità della situazione. Lascia quindi perplessi a suo parere, leggere un comunicato in cui Fugatti chiede, congiuntamente agli altri amministratori della Lega, di ridurre le misure di contenimento.

*

Gli ordini del giorno

Odg 16 Cia (Agire) le mense come strumento educativo. Approvato
L’odg del consigliere di Agire, approvato con 21 sì, 4 astenuti un non partecipante al voto, impegna la Giunta a considerare il servizio di mensa sotto un profilo educativo e a mettere in campo un diretto collegamento della scuola perché faccia fronte alle esigenze degli utenti riconoscendo l’importanza della salute e quindi della qualità del servizio e il rispetto dei contratti per la salute. L’odg ha ricevuto il sì dell’assessore Bisesti e ha ricordato il trasferimento alle comunità di valle dei maggiori oneri derivanti dall’emergenza.

Odg 17 Filippo Degasperi (Onda Civica): rivedere i criteri di scelta dei rappresentanti dei docenti delle scuole musicali. Approvato
L’odg, approvato con 27 sì e 3 astenuti, impegna la Giunta in tre direzioni: 1. a modificare la deliberazione 1716 del 30 ottobre scorso prevedendo l’individuazione della rappresentanza dei docenti al Tavolo delle scuole musicali, solo tra i docenti che non appartengono agli staff di direzione; 2. che i docenti rappresentanti restino in carica per 3 anni rinnovabili per una sola volta; 3. a deliberare tali modifiche prima della convocazione d’insediamento del Tavolo. L’odg è stato accettato dalla Giunta dall’assessore Bisesti. Mentre Zeni (Pd) ha espresso perplessità perché la norma stabilisce che gli insegnanti possano eleggere chi vogliono, anche tra il personale direttivo. Insomma, l’odg è apparso al consigliere Pd troppo vincolante.

Odg 18 Marini: attuare collegamenti e agevolazioni per banda larga e banda larga ultraveloce. Respinto
L’odg, respinto con 19 no, 11 sì, un astenuto. impegna la Giunta in tre direzioni: 1. ad intraprendere le azioni di competenza per assicurare a tutte le utenze un servizio di collegamento a banda larga veloce nella misura minima di 30 Mbps in download e di 10 Mbps in upload come servizio universale su tutto il territorio provinciale entro il 2021 e banda larga ultraveloce nella misura minima di 100 Mbps entro il 2023, in conformità con le norme e gli indirizzi di settore; 2. a presentare, per soddisfare questi obiettivi ed in conformità con il quadro legislativo ed economico attuale, entro 60 giorni dall’approvazione di questo odg, una relazione programmatica per la realizzazione degli obiettivi minimi sollecitati dalle parti economiche e sociali riguardo al completamento della rete della banda larga e della banda larga ultraveloce; 3. a predisporre un’ipotesi di scenario economico e operativo da presentare alla commissione consiliare competente insieme alla relazione programmatica di cui al punto 2, in cui considerare: a) una soglia massima di costo a carico dell’utenza per la prima installazione e la quota di finanziamento pubblico per la copertura degli extra costi nelle aree non ancora coperte dalla banda larga ultraveloce e per le utenze prive di installazione; b) forme di agevolazione o di contributo pubblico per la prima installazione per i nuclei familiari con componenti iscritti alla scuola dell’obbligo e per i lavoratori pubblici o privati con contratto di tipo subordinato impiegati con le modalità di lavoro agile. L’odg ha ricevuto il no dell’assessore Gottardi perché riguarda attività inerenti alle imprese private e per i contributi alle famiglie ha già messo in campo i voucher.

Odg 19 Degasperi: Presenza uniforme del pediatra di libera scelta sugli altipiani Cimbri. Approvato
L’odg, approvato all’unanimità, impegna la Giunta ad adottare le iniziative necessaria per avere una presenza stabile del pediatra di libera scelta sugli Altipiani Cimbri anche presso i Comuni di Lavarone e Luserna. L’assessora Segnana ha detto che la situazione della presenza dei pediatri è reale anche se è difficile reperire professionisti di libera scelta, nonostante gli incentivi previsti dalla Giunta e quindi l’odg va nella direzione giusta per dare una risposta a chi vive in questi territori. Demagri (Patt) ha affermato che l’odg è un apripista anche per affrontare questo tipo di problemi in altre zone. Anche perché i servizi sono uno dei primi elementi che i cittadini prendono in considerazione per spostarsi in luoghi di montagna.

Odg 20 Degasperi: dalle parole ai fatti per la pari dignità della formazione professionale. Approvato in forma emendata
Tre gli impegni previsti dall’odg ritoccato nel dispositivo da Degasperi: 1. avviare un percorso che miri ad uniformare le condizioni contrattuali del personale docente della formazione professionale a quelle del personale docente della scuola provinciale a carattere statale; completare l’attività di inquadramento delle classi di concorso degli insegnanti della formazione professionale in analogia con quanto in vigore nel canale dell’istruzione; 2. come già avvenuto per i PaS DEL 2013, attivarsi presso il Miur per individuare modalità di abilitazione che tengano conto del servizio prestato presso la formazione professionale provinciale.

Odg 21 Dallapiccola: la Pat prosegua con i contributi settoriali al settore lattiero-caseario. Respinto
L’odg, respinto con 20 no 13 sì, voleva inpenare la Giunta a proseguire anche per il prossimo anno con politiche finanziarie e di indirizzo programmatico amministrativo, che permettano specialmente ai piccoli caseifici di montagna di guardare ancora con fiducia al proprio futuro economico ed in particolare procedere con il sistema dei cosiddetti “contributi settoriali per la promozione dei prodotti agricoli”, con particolare riferimento al settore lattiero-caseario. L’assessora Zanotelli ha affermato che è indubbia la necessità di assicurare i contributi per il settore peraltro è chiaro che le attività zootecniche cono molto utili per il turismo e il paesaggio. Però si devono distinguere tra la promozione e il sostegno economico. Come assicurare il 100% dell’indennità compensativa. Sulla promozione ci sono i settoriali utilizzati per sostenere le aziende. Fermo restando la volontà della Giunta di sostenere l’agroalimentare, ha concluso, l’intenzione è quella di rivedere lo strumento settoriale per affrontare un approccio di sistema. Per questi motivi l’odg non è stato accolto dalla Giunta.

Odg 22 Dallapiccola: l’agricoltura non può attendere ancora a lungo i nuovi bandi Psr. Respinto
L’odg, respinto con 19 no, 11 sì, mirava a impegnare la Giunta a riaprire nel più breve tempo possibile i bandi Psr per misure 6.1.1. “insediamento giovani” e 4.3.4 “Bonifiche”. L’assessore ha detto che non si sta aspettando la misura 6.11 ed è stato aperto un tavolo con i giovani dove stanno emergendo proposte importanti. E sono stati avviati dei ragionamenti importanti come la banca della terra. La Giunta non è rimasta ferma su questi temi e per questo parere della Giunta sull’odg è stato negativo. Anche se il bando per il 6.1.1 verrà avviato con modifiche sulla partita Iva.

Odg 23 Dallapiccola: è tempo di istituire un osservatorio zootecnico provinciale. Respinto
L’odg, che è stato respinto con 19 no 16 sì , intendeva impegnare la Giunta ad attivare un “organismo permanente di osservazione della zootecnia”. L’assessore ha dato parere negativo e ha ricordato che il lavoro per il recuperare i pascoli è avviato. Sul latte c’è la volontà di aumentare i punteggi per le misure di sostegno al reddito. C’è poi il tema della formazione che deve avere un ruolo centrale. Il tavolo zootecnico, ha concluso, sta lavorando e sta dando risultati. E molti problemi, ha concluso, vengono da una visione sbagliata delle politiche agricole montane.

Odg 27 Ugo Rossi (Patt): seconda sezione bilingue presso le scuole medie Bresadola. Approvato
L’odg, approvato all’unanimità, impegna la Giunta a mettere in atto tutte le opportune azioni per garantire l’istituzione della seconda sezione bilingue presso la scuola media Bresadola di Trento, come richiesto da numerose famiglie e visto che sono stati raggiunti il congruo numero di iscritti e che sembrano esserci le condizioni dal punto di vista logistico. L’assessore Bisesti ha detto che il confronto tra Pat e comune di Trento c’è stato e si è ribadito che la Giunta su questo tema c’è e si affronteranno a breve anche i problemi degli spazi. L’investimento sulle lingue va avanti quindi l’impegno per la sezione bilingue c’è. Sara Ferrari (Pd) ha espresso soddisfazione per questo odg e soprattutto per la volontà di risolvere la questione.

Odg 29 Paolo Zanella (Futura): un sistema di welfare sostenibile e integrato per la non autosufficienza. Approvato in forma emendata
Dell’odg è stato approvato, all’unanimità, solo il punto uno che impegna la Giunta a prevedere che la quota B3 per la non autosufficienza dell’assegno di cura venga erogata in gran parte in voucher. No invece al punto due che mirava a destinare una quota dei fondi per la non autosufficienza a sostegno dell’iscrizione a Sanifonds di nuovi lavoratori che oggi non beneficiano di questa copertura. No anche al tre che mirava a prevedere la creazione di bandi annuali per lo sviluppo di progetti di welfare di prossimità e di comunità. L’assessora Segnana ha chiesto un emendamento al punto uno perché si arrivi progressivamente alla trasformazione in voucher dell’assegno unico; no dell’assessore al punto due e no anche sul tre la Giunta porterà presto una delibera che finanzierà il welfare a km 0. Zeni ha detto va lasciata la libertà al cittadino di rivolgersi anche a Sanifonds anziché alle assicurazioni private. Tema sul quale si è lavorato a un emendamento. Marini ha detto che la possibilità di usare la carta dei servizi per prodotti locali va nella direzione giusta.

Odg 31 Moranduzzo (Lega): promozione itinerari culturali e storici nel territorio dell’Alto Garda e Ledro. Approvato
L’odg, approvato 20 sì, 7 non partecipanti, un astenuto, impegna la Giunta a promuovere un protocollo d’intesa con gli enti locali dell’Alto Garda e Ledro interessati per l’istituzione di itinerari storici e culturali, con un occhio particolare al marketing territoriale, affinché venga incentivata l’attrattività turistica, valutando la possibilità di concordare un programma di attività condiviso. Dallapiccola (Patt) ha chiesto perché si dovrebbe dire sì alla valorizzazione di una sola zona.

Odg 32 Devid Moranduzzo (Lega): promozione del territorio del Tesino attraverso la segnaletica turistica. Approvato
L’odg dell consigliere della Lega, approvato all’unanimità, impegna al sostegno dei progetti promossi dall’Eco Museo del tesino e dal Gal Trentino Orientale, finalizzati all’installazione di cartelli e targhe turistiche nel Tesino, utilizzando anche QR code, trace audio e scrittura braille, al fine di rendere la segnaletica turistica stessa, per qualità e diffusione, elemento distintivo e mezzo di promozione turistica del tesino, terra di viaggiatori. Sì da parte della Giunta. Rossi (Patt) ha auspicato che i cartelli possano essere installati anche sulla futura variante del Tesino.

Odg 33 Alessia Ambrosi (Lega): sostegno economico per famiglie con situazioni di disabilità. Approvato
L’odg, approvato all’unanimità, impegna la Giunta a valutare per l’anno 2021 e con le modalità ritenute più opportune, l’attivazione di un sostegno economico in favore dei nuclei famigliari che hanno al loro interno un componente minorenne con disabilità. L’assessora Segnana ha dato parere positivo all’odg.

Odg 34 Alessia Ambrosi (Lega): stazioni di servizio ed incentivi per l’utenza degli automobilisti con disabilità. Approvato
Approvato all’unanimità l’odg che impegna la Giunta: 1. a modificare, nei modi e tempi opportuni, le disposizioni attuative della legge 6/99, in modo da prevedere maggiorazioni di contributi per le imprese che gestiscono distributori di carburanti, dove siano installati dispositivi o assicurati servizi volti a facilitare l’utenza dei cittadini diversamente abili 2. a valutare l’introduzione di specifici incentivi per agevolare l’installazione dei dispositivi. L’assessore Spinelli ha dato parere positivo all’odg.

Odg 35 Alessia Ambrosi (Lega): mondo dello spettacolo, registro per operatori professionisti. Approvato
Ben cinque gli impegni richiesti alla Giunta dal documento della consigliera della Lega, approvata all’unanimità, che partendo dalla constatazione della crisi del settore dello spettacolo, messa in particolare evidenza dal contesto pandemico, impegna la Giunta 1. a creare un registro dei soggetti ed operatori dello spettacolo 2. ad attivare, in collaborazione con Ispat, Tsm e l’associazione maggiormente rappresentativa del settore dello spettacolo, la rilevazione dei soggetti e degli operatori dell’ambito culturale e del settore dello spettacolo 3. a dare priorità all’attivazione di percorsi formativi specifici per le professioni della cultura come stabilito dalle Linee guida per le politiche culturali della Pat 4. a prevedere, per la formazione, un rapporto di collaborazione stabile con le più importanti istituzioni formative di ambito nazionale per il settore dello spettacolo 5. a prevedere l’istituzione di una Commissione per l’individuazione dei soggetti destinatari degli interventi formativi. Sì della Giunta all’ordine del giorno, parere favorevole espresso in dichiarazione di voto da Sara Ferrari (PD).

Odg 36 Gianluca Cavada (Lega): percorsi ciclabili trans-territoriali in ambito Euregio. Approvato
L’odg impegna la Giunta a promuovere un’intensa e celere collaborazione tra istituzioni politiche e strutture amministrative di gestione delle infrastrutture ciclabili di Trentino, Alto Adige e Tirolo, al fine di consentire un’efficace progettazione d percorsi ciclabili omogenei e all’avanguardia che connettano le zone dell’Euregio. Parere favorevole della Giunta, sostenuto anche dal consigliere Marini (Misto) e Guglielmi (Lista Fassa).

Odg 39 Denis Paoli (Lega): contributi all’Associazione nazionale del Fante per il Raduno del 2022 a Trento. Approvato
L’Esecutivo è impegnato dal documento ad adottare le opportune iniziative, in coordinamento con gli altri enti e soggetti coinvolti, per garantire il supporto al 36mo Raduno nazionale del Fante, che si svolgerà a Trento dal 19 al 22 maggio del 2020. Favorevole il parere dell’assessore Gottardi. Marini ha espresso sostegno al documento in onore del padre che prestò servizio in fanteria, sottolineando però che le proposte serie non vengono prese in considerazione. Favorevoli anche il voto di Cia e di Guglielmi che hanno preso le distanze dal giudizio di frivolezza di Marini.
Sostegno convinto anche da Rossi, sebbene la decisione di ospitare l’adunata degli Alpini ai tempi della sua presidenza fosse stata fortemente contestata: la storia non deve essere divisiva, ha detto.

Odg 40 Giorgio Leonardi (Forza Italia): ristrutturazione caserma dei vigili di Rovereto. Approvato
Il dispositivo del documento prevede che la Giunta valuti la possibilità di uno stanziamento finanziario adeguato per la ristrutturazione della Caserma dei vigili del Fuoco di Rovereto, al fine di garantire la sicurezza dello stabile e una piena operatività in attesa della realizzazione della futura nuova caserma, il cui progetto definitivo è ancora in itinere.

Odg 41 Giorgio Leonardi (Forza Italia): piano di riqualificazione professionale del comparto autonomie località. Approvato
L’odg prevede che la Giunta programmi, compatibilmente con le risorse disponibili, un piano di riqualificazione professionale a partire dalla categoria C livello base, per accedere al livello evoluto attraverso le procedure già previste dall’ordinamento del personale del comparto autonomie locali. Sostegno da parte della Giunta.

Odg 42 Guglielmi: adeguatezza della flotta e centri di rimessaggio per automezzi servizio gestione strade. Approvato
L’odg impegna la Giunta ad attuare due obiettivi: 1. a garantire una costante attenzione all’adeguatezza della flotta di automezzi a disposizione del Servizio gestione strade della Pat anche in un’ottica di minor impatto ambientale, per mantenere i mezzi in costante efficienza e sostituire quelli obsoleti; 2. per quanto riguarda in particolare la Val di Fassa, a valutare la possibilità, compatibilmente con le risorse finanziaria a disposizione, di progettare e realizzare un adeguato numero di centri di rimessaggio per l’intera flotta di automezzi, al fine di migliorare la qualità del lavoro del personale del Servizio gestione strade. Favorevole il parere dell’assessore Gottardi. Sostegno anche da Job (Lega), che ha aggiunto che va sollecitato il lavoro della Giunta con riferimento al servizio strade.

Odg 44 Zeni: riforma servizi sanitari per interventi più flessibili e personalizzati. Approvato
Sei gli impegni della Giunta previsti da questo odg: 1. riconoscere che il sistema sanitario non è un mero ambito di erogazione di servizi e fonte di spesa, ma un sistema complesso e in relazione con molti ambiti (economia, turismo, sport, formazione, benessere, cultura…) e quindi un’opportunità da sviluppare; 2. disciplinare la sanità trentina secondo una programmazione che si basi su valutazioni di sistema continuando a considerare le indicazioni cliniche di coloro che la sanità la conoscono e la vivono, tra i quali gli operatori sanitari: 3. continuare nelle attività già intraprese per il rafforzamento della rete ospedaliera, il riconoscimento degli indicatori del piano nazionale e degli strumenti di comparazione consolidati, del potenziamento della medicina e dell’assistenza di territorio, specie con le aggregazione dei medici di medicina generale, la diffusione delle cure intermedie , la valorizzazione delle professioni infermieristiche, l’adozione di sistemi innovativi di assistenza forniti dalle innovazioni tecnologiche; 4. ristabilire prima possibile i consueti volumi di attività ambulatoriale ed operatoria, riconoscendo in particolare la necessità della piena funzionalità dell’ospedale Santa Chiara per la gestione delle urgenze e delle maggiori complessità; 5. implementare gli strumenti di prevenzione in particolare sostenendo l’attività fisica a tutte le età, considerando nell’attuazione della riforma del welfare anziani il sostegno e la diffusione di co-housing e servizi domiciliari, proseguendo la politica capillare rispetto alle vaccinazioni secondo le indicazioni mediche, sostenendo i percorsi di inclusione sociale e di prevenzione delle dipendenze; 6. riconoscere il ruolo delle associazioni di volontariato in ambito sanitario come centrale nella rete dell’emergenza-urgenza, e tutelarne la funzione. Parere favorevole è stato espresso dall’assessora Segnana: sono tutti temi condivisibili, sui quali abbiamo già lavorato e continueremo a lavorare, ha chiarito. Su alcuni aspetti siamo consapevoli che occorra ripartire quando la situazione lo consentirà, ma si è cercato di lavorare e dare risposte alla comunità nel miglior modo possibile.

Odg 55 Vanessa Masè (La Civica): diffusione e promozione dell’amministratore di sostegno. Approvato
Il documento impegna la Giunta a rendere effettiva la norma della legge provinciale 4/11, art. 2, comma 4, per rendere maggiormente efficace il ricorso alla figura dell’amministratore di sostegno per quanti si trovino nella necessità di richiederlo. L’assessora Segnana ha dichiarato l’accoglimento dell’ordine del giorno e ha assicurato che seguiranno una serie di valutazioni di approfondimento circa la sua “traduzione”.

Odg 49 Lorenzo Ossanna (Patt): aiuti per l’acquisto di strumentazione tecnologica per la didattica digitale integrata. Approvato in forma emendata
Modificato nella premessa con l’assessore Bisesti, l’odg, approvato, impegna la Giunta su tre punti relativi alla didattica digitale integrata: 1. valutare lo stanziamento di fondi per l’acquisto di dispositivi digitali per garantire l’accesso a internet alle famiglie in stato di bisogno in linea con le misure previste dal decreto ristori non applicato in Trentino 2. attivarsi affinché vengano velocizzate le procedure di completamento e attivazione della fibra ottica in tutti i comuni trentini 3. impegnare ai fini descritti almeno 700.000 sulla missione 4, programma 2 della legge di stabilità in discussione. Parere favorevole di Bisesti che ha ricordato l’importanza del tema e gli sforzi già messi in atto in questa direzione e le risorse impiegate per il mondo della scuola.

Odg 56 Pietro De Godenz (UpT): confermare l’ICE RINK di Pinè per le Olimpiadi. Approvato in forma emendata
L’odg, approvato in forma emendata nella premessa e nel dispositivo, impegna la Giunta 1. a confermare presso il Consiglio Olimpico congiunto, Baselga di Pinè quale luogo di gara olimpica per il 2026 2. a proporre al Consiglio Olimipico Congiunto le soluzioni che, nell’ottica di assegnazione olimpica, permettano di realizzare un impianto sportivo che garantisca anche gli aspetti di sostenibilità, non solo come fucina per gli atleti, ma anche dal punto di vista economico e gestionale nel periodo post olimpico. L’assessore Failoni ha espresso il parere favorevole della Giunta. L’odg è stato espressamente e con forza sostenuto da Alessandro Savoi (Lega) che ha ricordato che il 2026 è dietro l’angolo e che le Olimpiadi saranno il risveglio economico del Trentino e dei territori montani, a maggior ragione dopo la situazione drammatica che stiano vivendo. Ugo Rossi ha obiettato che le cifre sentite in aula con riferimento al progetto sono state tre in pochi minuti: 12 milioni, 37, ma forse anche 45, mentre già oggi il Palazzetto ha un bilancio di 200.000 euro: forse vale la pena fare qualche valutazione in merito, ha aggiunto, così come fu fatta in passato per altre strutture. Degodenz ha chiarito che i 12 milioni servono ad “aggiustare” l’attuale impianto, se non vengono fatte le Olimpiadi e ha osservato che non è giusto che questo discorso venga letto in chiave politica. Guglielmi ha sostenuto il collega Degodenz, invitando i consiglieri a concentrasi sulla XVI legislatura e a mettersi il cuore in pace rispetto al passato: qui abbiamo l’opportunità favolosa delle Olimpiadi 2026 che va colta, ha concluso. Rossi ha replicato che, aldilà del richiamo del collega Guglielmi, l’emendamento conferma Pinè come sede, ma precisa giustamente che si dovranno fare analisi e conti sulla sostenibilità dell’impianto anche in una prospettiva post olimpica.

Odg 48 Lorenzo Ossanna (Patt): applicazione di un regime transitorio all’applicazione dell’art. 19. Approvato
Il dispositivo del documento approvato, prevede che la Giunta verifichi l’opportunità di attivare un periodo transitorio fino al 31 dicembre 2021 per l’applicazione dell’articolo 19 della legge 74/2020 (che premia unicamente gli interventi di recupero e riqualificazione di edifici esistenti), almeno per gli interventi compresi nei piani attuativi approvati o in approvazione entro giugno 2021. Parere favorevole dell’assessore Tonina, che ha aggiunto che l’odg è frutto di quanto emerso in Commissione e di un approfondimento seguito all’emendamento presentato dalla Giunta sull’argomento e al collega Ossanna ha riconosciuto di aver portato il giusto contributo. Sostegno anche da Claudio Cia.

Odg 58 Giorgio Leonardi (FI): sostenere l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione delle Pmi, delle microimprese, dei professionisti e delle partite Iva. Approvato
L’odg impegna la Giunta a valutare l’opportunità di destinare risorse economiche per sostenere in modo più adeguato l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione delle Pmi, delle microimprese, dei professionisti e delle partite Iva presenti nel Trentino, al fine di garantirne una maggiore competitività a livello nazionale e internazionale. Favorevole il parere dell’assessore Spinelli che ha confermato l’impegno della Giunta nella direzione della proposta.

Odg 59 Claudio Cia (Agire): sensibilizzare sui rischi di tumore al seno in soggetti con familiarità. Approvato
L’odg impegna la Giunta a sensibilizzare la popolazione femminile a rischio e a potenziare le campagne informative in collaborazione con l’Apss al fine di sensibilizzare i medici di medicina generale sull’incidenza e i rischi del tumore alla mammella nelle donne con familiarità e storie cliniche a rischio. Argomento cruciale e odg assolutamente condivisibile, ha dichiarato l’assessora Segnana.

Odg 62 Ivano Job (lega): interventi per ridurre le spese fisse delle strutture ricettive. Approvato
L’odg, sul quale Job ha dichiarato di volersi astenere, impegna la Giunta ad aprire un confronto con Dolomiti Energia spa e con le maggiori società del settore, al fine di valutare i possibili strumenti per la sospensione parziale o il ridimensionamento – fino ad emergenza conclusa – di spese legate ai costi fissi previsti in bolletta. Positivo il parere dell’assessore Tonina che ha invitato il collega a votarlo a sua volta, aggiungendo che un rappresentante eletto in aula non si deve fare scrupolo su temi come questi che interessano un’ampia categoria. Sostegno convinto anche da parte di Degodenz e di Ossanna.

Odg 65 Gianluca Cavada (Lega): risolvere le difficoltà di connessione in certi Comuni. Approvato
L’odg impegna la Giunta a superare i ritardi che in passato hanno impedito di portare la banda larga in tutto il Trentino e a proseguire gli interventi utili al potenziamento di connessioni e reti per rimediare alle criticità di accesso di alcuni Comuni del Trentino. L’assessore Gottardi ha espresso parere favorevole. Marini ha annunciato voto positivo, notando però che fu bocciato un suo odg del tutto uguale.

Odg 66 Cavada: potenziamento della ciclabile delle Valli di Fiemme e Fassa. Approvato
L’odg impegna la Giunta a valutare la compatibilità, rispetto alla programmazione strategica e finanziaria, del progetto di realizzazione di un tratto di ciclabile lungo l’arginale del fiume Avisio con sottopasso del ponte a sud di Predazzo, che permetta di garantire alla ciclo-pedonale delle valli di Fiemme e Fassa la continuità e sicurezza necessari ad accogliere adeguatamente la crescita esponenziale dei flussi cicloturistici.

Odg 68 Vanessa Masè (La Civica): codice Ateco tra i beneficiari degli incentivi. Approvato
La Giunta è impegnata dal presente documento ad inserire il codice ATECO K, già previsto nelle norme di carattere generale per l’applicazione della legge 6/99, anche tra i criteri previsti per gli aiuti per gli investimenti fissi. Positiva la valutazione dell’assessore Spinelli.

Odg 69 Dalzocchio (Lega) Un gruppo di ricerca per i servizi dell’infanzia. Approvato
L’odg della capogruppo della Lega impegna la Giunta a valutare la creazione di un gruppo di ricerca e studio, coinvolgendo l’Iprase, che presenti proposte sulle politiche provinciali sui servizi dell’infanzia, riguardo alla progettazione, impiego e valorizzazione degli spazi e degli arredi. Bisesti ha dichiarato il sostegno alla proposta. Si è associata la consigliera Masè che ha espresso apprezzamento per una battaglia che condivide a pieno.

Odg 70 Dalzocchio (Lega) Potenziare l’assistenza psicologica per gli studenti. Approvato
L’odg della capogruppo della Lega impegna la Giunta, a partire dal protocollo tra Ordine degli psicologi e Miur, a promuovere nel sistema scolastico trentino, un’ulteriore implementazione dei servizi di assistenza psicologica per gli studenti e il personale in condizione di fragilità. Favorevole il parere dell’assessore Bisesti, mentre Sara Ferrari ha rilevato che un mese fa fu approvata una risoluzione contenete lo stesso identico dispositivo: resto interdetta, ma lo voto volentieri, ha detto.

Odg 45 Sara Ferrari (Pd): consigliere di parità e occupazione femminile.
L’odg impegna la Giunta in tre direzioni: a ripristinare il finanziamento delle attività del Consigliere di parità, per garantire un servizio pubblico di informazione e consulenza per i lavoratori previsto dalla legge provinciale 13 del 2012; 2. a potenziare, in ragione delle difficoltà occupazionali che si creeranno nei prossimi mesi, l’ufficio del consigliere di parità con ulteriore personale; a ripristinare il finanziamento dell’ufficio pari opportunità, mantenendo gli importi fissati negli anni precedenti.

Odg 46 Ferrari: concorsi per assumere e stabilizzare il personale della Provincia.
L’odg impegna la Giunta 1. a bandire in tempi stretti concorsi pubblici per coprire le esigenze di personale che si sono manifestate anche in occasione della pandemia; 2. a ricorrere alle graduatorie in essere ed eventualmente a bandire un apposito concorso per coprire le esigenze occasionali di lavoratori a tempo determinato; 3. a prorogare, ove non sia possibile fare altrimenti, le convenzioni in essere per l’appalto di servizi della pubblica amministrazione; 4. a bandire in tempi stretti bandi pubblici per la stabilizzazione del personale precario dei musei.

Odg. 47 Ferrari: istituzione della Consulta per il rilancio del Trentino.
L’odg impegna la Giunta ad attuare 6 obiettivi: 1. costituire entro 30 giorni dall’approvazione della legge collegata al bilancio, un’apposita Consulta presieduta dal presidente della Pat per l’elaborazione di un Piano strategico per la ripresa e la resilienza del Trentino; 2 a condividere in tempo utile la composizione della Consulta con la Prima Commissione consiliare; 3. a coinvolgere nella Consulta i rappresentanti dei gruppi di minoranza del Consiglio, rappresentanti del Cal, delle professioni sanitarei e socio-assistenziali, delle OOSS, delle Associazioni di categoria, della Cooperazione, dell’Università e del sistema della conoscenza, degli istituti di innovazione e ricerca, del mondo del volontariato, di associazioni e organizzazioni portatrici di interessi sociali, culturali e ambientali, ecc.; 4. a sottoporre al più presto all’attenzione della Consulta la proposta elaborata nei mesi scorsi della Giunta provinciale per l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund allo scopo di valutare entro 30 giorni dall’inizio dei lavori, la coerenza della proposta trentina con le macro-aree e i cluster contenuti nella bozza del Piano per la ripresa e la resilienza elaborato dal Governo e l’opportunità di una eventuale rimodulazione; 5. a concludere i lavori della Consulta entro 180 giorni e comunque in tempo per l’approntamento della prossima manovra di assestamento del bilancio; 6. a presentare il Piano al Consiglio provinciale4 entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori della Consulta.

Odg 50 Lorenzo Ossanna (Patt): integrazione contributo per start up e digitalizzazione imprese
Nell’ottica di allargare la platea di aziende e start up con sede in Trentino, beneficiarie del sostegno già messo in campo dalla Pat nello sviluppo di tecnologie o servizi innovativi che possano trovare applicazione nella gestione delle fasi post Covid, il documento prevede che la Giunta impegni almeno altri 700.000 euro sulla missione 14 (sviluppo economico e competitività), programma 1 (industria, Pmi e artigianato).

Odg 52 Vanessa Masè (La Civica): per un tavolo dedicato alla scuola dell’Infanzia
L’odg impegna la Giunta alla promozione urgente di un tavolo tecnico dedicato alla scuola dell’infanzia in cui sviluppare proposte e istanze, vista anche la perdurante situazione di complessità determinata dalla pandemia in corso.

Odg 54 Luca Zeni (PD): nuovi fondi provinciali
3 i punti sottoposti all’impegno della Giunta con l’odg e che riguardano il tema dei Fondi e della gestione dei Fondi introdotti dalla finanziaria 1. ritenere strategico il ricorso ad Euregio Plus quale sgr per la gestione dei fondi pubblico-privati che saranno istituiti dalla Provincia 2. garantire trasparenza rispetto alla gestione, con un regolamento pubblico 3. garantire trasparenza rispetto allo status delle commissioni e dei risultati e previsioni dei fondi futuri ed esistenti.

Odg 57 Lorenzo Ossanna (Patt): regime transitorio da applicare all’articolo 19 della collegata che premia interventi di recupero e riqualificazione degli edifici.
L’odg impegna la Giunta a monitorare presso i Comuni la presentazione dei piani attuativi delle previsioni già vigenti al fine di verificare la congruità del termine del 30 giugno 2021.

Odg 60 Olivi (Pd) e De Godenz (UpT): sostegni e meno vincoli Ue per le imprese della montagna colpite dalla pandemia.
L’odg impegna la Giunta 1. ad attivarsi nei confronti del Governo nazionale affinché la misure dei ristori sia stabilita in relazione ai dati che stimano il reale calo di fatturato delle imprese e della filiera e 2. ad attivarsi insieme alle altre regioni dell’arco alpino per chiedere l’Europa sospenda temporaneamente per l’anno 2021 i limiti previsti dalla normativa comunitaria in materia di aiuti d’importanza minore (de minimis) in favore delle imprese che operano nelle aree di montagna più colpite dalla crisi economica e sociale causata da Covid-19.

Odg 61 Olivi: servono chiarezza e concretezza su progetto e risorse per la mobilità di Rovereto e Vallagarina.
L’odg impegna la Giunta in due direzioni: 1. a dare subito corso alla stesura di un progetto organico di viabilità in grado di valorizzare la città di Rovereto quale centro di erogazione di servizi e funzioni primarie per la Vallagarina e il Basso Trentino, coinvolgendo gli enti locali del territorio nella condivisione delle soluzioni tecniche più efficienti, utili e sostenibili che assicurino la realizzazione di un’opera compatibile dal punto di vista ambientale; 2. ad impegnare con la prossima manovra di assestamento, un primo stralcio del finanziamento dell’opera assicurandosi la successiva copertura con le risorse del fondo di A22.

Odg 63 Mara Dalzocchio (Lega): recepimento del protocollo di intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche – Cnop/Miur.
L’odg impegna la Giunta a recepire quanto previsto dal “Protocollo di intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche” volto a garantire a in tutti gli istituti scolastici d’Italia la presenza della figura professionale dello psicologo anche nella nostra provincia, stabilendo un monte di 80 ore di prestazioni psicologiche per ogni istituto, per il periodo gennaio-giugno 2021, garantendo agli studenti e ai lavoratori nei contesti scolastici un’offerta eterogenea rispetto al resto del territorio.

Odg 63 Dalzocchio: creazione di un gruppo di ricerca e studio coordinato da Iprase per la progettazione delle future politiche educative nella fascia 0-6 anni.
L’odg impegna la Giunta a valutare la creazione di un gruppo di ricerca e studio coordinato da Iprase che progetti le future politiche provinciali per i servizi all’infanzia, con particolare riguardo a progettazione, impiego e valorizzazione degli spazi e degli arredi.

Odg 67 Lorenzo Ossanna (Patt): consultazioni elettorali amministrazioni beni uso civico
L’impegno chiesto alla Giunta con questo documento è quello di verificare la possibilità, qualora la curva epidemiologica permettesse le consultazioni elettorali, di anticipare allo stesso anno solare l’esercizio delle nuove amministrazioni dei beni ad uso civico, comunque entro il termine ultimo per il bilancio preventivo delle amministrazioni comunali interessate.

Odg 71 Paoli (Lega) Spazi abitativi per gli studenti del Martini.
L’odg del consigliere leghista impegna la Giunta ad avviare una verifica delle necessità abitative, e la stima dei posti letto necessari, da dedicare agli studenti dell’Istituto Martino Martini di Mezzolombardo.

Odg 26 Alex Marini (Misto): per un modello di gestione del fiume Chiese
L’odg impegna la Giunta in tre direzioni: 1. a valutare la fattibilità dlela proposta sperimentale MoCh, Modello di gestione del fiume Chiese in chiave idraulica ed ecologica 2. ad adottare i provvedimenti di competenza al fine di includere la rete di riserve Valle del Chiese nelle procedure di definizione delle iniziative per l’attuazione dei un precedente ordine del giorno sul monitoraggio del fiume Chiese e del lago d’Idro ai fini dell’elaborazione di un modello idroelettrico sostenibile e replicabile 3. a verificare la disponibilità della Lombardia a promuovere un’iniziativa interregionale di concerto con la Provincia e l’istituto per la protezione e la ricerca ambientale per l’attuazione di due precedenti ordini del giorno approvati dal Consiglio provinciale nel luglio scorso e dal Consiglio regionale lombardo nel 2018 sulla sottoscrizione di un Contratto di Fiume per il fiume Chiese.

Odg 30 Paolo Zanella (Futura): centralità del territorio e delle risorse umane nella nuova organizzazione dell’Apss
Articolato su tre punti, il dispositivo del documento impegna la Giunta 1. a mettere al centro della riorganizzazione dell’Apss i servizi territoriali di prossimità 2. a investire in prevenzione, promozione della salute ed educazione terapeutica, per mantenere elevati i livelli di salute della popolazione e prevenire le complicanze delle persone affette da patologie croniche 3. a velocizzare le procedure amministrative di assunzione di tutto il personale sanitario necessario alla copertura degli organici dell’Apss.

Odg 38 Denis Paoli (Lega): spazi abitativi dedicati agli studenti del Martini
L’odg prevede che la Giunta avvi una verifica delle necessità attuali e future di spazi abitativi dedicati agli studenti dell’Istituto Martini di Mezzolombardo, al fine di produrre una stima dei posti letto necessari.

Odg 43 Luca Zeni (Pd): regole per impianti di risalita e sci alpinismo sulle piste.
L’odg impegna la Giunta in quattro direzioni: 1. a predisporre tutto il necessario per creare le condizioni per la riapertura degli impianti dopo il 7 gennaio, sia con linee guida rigorose (che necessiteranno dell’approvazione dell’ISS) per il comportamento sugli impianti ma anche negli altri luoghi legati all’ospitalità turistica, sia con un’organizzazione ospedaliera in grado di gestire l’aumento di interventi dovuti a infortuni sugli sci; 2. ad avviare un percorso di informazione anche attraverso Trentino marketing e le associazioni alberghiere, promuovendo attività “sicure” su percorsi predefiniti e verificati coinvolgendo gli esperti di montagna, organizzando momenti formativi rispetto ai rischi sulla neve, per accrescere la conoscenza della montagna; 3. a predisporre incentivi economici per favorire le attività con guide alpine e persone esperte; 4. ad avviare subito dopo l’entrata in vigore della manovra di bilancio un confronto con gli esercenti funiviari, con i professionisti della montagna e con le associazioni e federazioni sportive rappresentative degli sci alpinisti, per pervenire all’approvazione del regolamento di esecuzione previsto dalla legge sugli impianti a fune, per favorire la pratica dello sci-alpinismo anche sulle piste da sci e la coesistenza con le altre pratiche sportive praticate sulle piste da sci.

Odg 28 Pietro Degodenz (Upt): urgente collegamento Montesover-Valfloriana
L’odg impegna la Giunta a valutare urgentemente la progettazione e la realizzazione di una tratta stradale tra Montesover e Valfloriana al fine di realizzare un collegamento strategico che riduca le distanze, dando slancio alle stagionalità turistiche e migliorando le connessioni tra il pinetano, le valli di Cembra, Fiemme e Fassa in vista anche dell’evento olimpico 2026.