VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONSIGLIO AUTONOMIE LOCALI* LEGGE REGIONALE DI STABILITÀ 2017: PARERE FAVOREVOLE CON OSSERVAZIONI

Legge regionale di stabilità 2017. Parere favorevole con osservazioni.

Il Consiglio delle autonomie locali ha dato parere positivo con osservazioni presentate dal Comune di Trento al disegno di legge regionale concernente “Legge regionale collegata alla legge regionale di stabilità 2017″.

Ad aprire i lavori è stato il Presidente del Cal Paride Gianmoena che ha evidenziato come una delle questioni previste dal disegno di Legge riguardi in particolare proprio i Comuni.

La legge regionale di stabilità 2018, infatti, contiene all’articolo 5 una norma di interesse per i Comuni. L’articolo 5 costituisce un esplicito recepimento nell’ordinamento regionale dei principi in materia di reclutamento del personale introdotti dal Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica. La disciplina concerne il reclutamento del personale di tutte le società in controllo pubblico della Regione e degli enti a ordinamento regionale (Enti Locali, APSP, Camere di Commercio).

Il comma 1 obbliga di stabilire, con propri provvedimenti, criteri e modalità in rispetto dei principi di trasparenza, pubblicità, economicità e celerità del procedimento. Il comma 2 ribadisce l’obbligo di pubblicazione sul sito istituzionale della società in controllo pubblico dei provvedimenti che stabiliscono i criteri e le modalità di reclutamento del personale. Il comma 3 sanziona con la nullità i contratti di lavori stipulati in assenza di tali provvedimenti.

In merito alle osservazioni la proposta è quella di attivare un Tavolo di lavoro con la Regione per entrare nel merito dei ragionamenti espressi dal Comune di Trento.

 

*”Governance” società controllate. Parere positivo.

Via libera del Cal alla proposta di delibera della Giunta provinciale concernente “Approvazione dello schema generale di convenzione tipo per la “governance” di società controllate dalla Provincia e partecipate dagli Enti Locali quali società di sistema e di quello per le altre società controllate dalla Provincia e pluri-partecipate”.

A illustrare il punto all’ordine del giorno è stata Clelia Sandri, Assessora del Cal che ha seguito l’istruttoria della delibera.

La delibera si rifà all’esigenza di avere un grado di maggior controllo della spesa pubblica e in questo contesto spiccano le disposizioni relative alla Legge Madia. Si tratta di completare il processo di adeguamento della Legge provinciale, dando attuazione alla nuova disciplina nazionale. Le convenzioni sono due.

Una riguarda le società totalmente partecipate dalla Pat che vengono disciplinate da funzioni di controllo, di indirizzo e in merito alle direttive finalizzate ad assicurare un’organizzazione interna di gestione. Sono Cassa del Trentino SpA, Itea A spa, Patrimonio del Trentino SpA e Trentino Sviluppo.

La seconda riguarda, invece, le Società partecipate dalla Pat e dagli Enti locali.

Sono stati rinviati, invece, a un incontro successivo i punti 3 e 4 inerenti le delibere sui compensi spettanti nelle società controllate e ai criteri sul sistema di amministrazione e controllo nelle società partecipate.

Il rinvio è stato spiegato con la necessità di fare ragionamenti più approfonditi. “Serve, infatti, una normativa dettagliata soprattutto in merito alla composizione del CdA. La materia è molto delicata – ha sottolineato Clelia Sandri – e va affrontata in maniera organica”. Entro la fine dell’anno il Cal procederà all’elaborazione di una proposta da sottoporre alla Giunta provinciale. I tempi lo consentono in quanto la nuova disciplina entra in vigore nel momento del rinnovo dei CdA.

 

*

Modalità di raccolta, di acquisizione e di cessione di materiale forestale
Parere positivo

Dal Cal è arrivato il sì alla proposta di delibera della Giunta provinciale concernente “Modificazione del decreto del Presidente della Provincia 3 novembre 2008, n. 51-158/Leg. “Regolamento concernente le modalità di raccolta, di acquisizione e di cessione di materiale forestale di moltiplicazione, l’elenco provinciale delle imprese forestali, i parametri dimensionali e le caratteristiche tecniche delle infrastrutture forestali, la composizione, le funzioni e i criteri di funzionamento della cabina di regia della filiera foresta – legno, le modalità di funzionamento della commissione provinciale forestale e di gestione e di utilizzazione del fondo forestale provinciale nonché la disciplina attuativa della viabilità forestale.

La proposta mira ad apportare alcune correzioni al regolamento per assicurare entro il 31 dicembre del 2017 la conclusione dei procedimenti di concessione delle anticipazioni già in corso prevedendo le liquidazioni al 100 per cento. Gli enti che hanno già ricevuto l’anticipazione del 70 per cento entro fine anno vedranno saldato il rimanente 30 per cento, mentre gli enti che hanno fatto domanda ma non hanno ancora ricevuto la liquidazione, la vedranno saldata entro fine anno.

La variazione si impone a seguito dell’entrata in vigore del decreto legislativo 118/2011 secondo la quale le pubbliche amministrazioni sono tenute ad armonizzare progressivamente i loro bilanci.

Con la legge provinciale 18/2015 la Giunta provinciale è stata autorizzata ad individuare le gestioni fuori bilancio per le quali la disciplina vigente in materia di armonizzazione è stata differita al 1 gennaio 2018. Fra esse figura anche il Fondo forestale provinciale.
Numerosi gli interventi a richiesta di chiarimento sull’utilizzo del Fondo forestale e sulla sua gestione in modo da continuare a garantire la semplicità del lavoro da parte dei Comuni.

 

*

Tavolo di confronto Sistema Bibliotecario Trentino. Designazione componenti

Il Cal ha designato cinque rappresentanti scelti tra gli assessori con delega alle biblioteche al Tavolo di confronto Sistema Bibliotecario Trentino.
Il Cal ha designato Andrea Robol, Assessore del Comune di Trento; Elisa Bortolamedi, Assessore del Comune di Pergine; Monica Mattevi, Sindaco di Stenico, Cristina Azzolini, Assessora a Rovereto. Rimane da verificare la disponibilità del Sindaco di Fornace Mauro Stenico.