VIDEONEWS & sponsored

(in )

CONFCOMMERCIO – TRENTINO * CRISI COVID: « PUBBLICI ESERCIZI, UN’INTERA CATEGORIA A RISCHIO, SERVE PIÙ ATTENZIONE PER LA NOSTRA CATEGORIA »

«Anche se è praticamente certificato che i bar non sono i luoghi del contagio, il governo continua a considerarli focolai. Serve più attenzione per la nostra categoria: tante aziende sono in grave difficoltà». Lo sfogo di Fabia Roman, presidente dell’Associazione dei pubblici esercizi del Trentino, è lo sfogo di un’intera categoria che, anche a livello nazionale, non riesce a spiegarsi le scelte del governo contenute nell’ultimo dpcm firmato dal presidente Draghi.

«Siamo chiusi da più di due settimane – spiega la presidente Roman – eppure i contagi continuano a correre, così come in altre regioni d’Italia: è chiaro che non sono i bar i luoghi del contagio. Ciononostante il governo continua a ritenerci responsabili, salvo consentire ad altri di vendere bevande anche oltre le 18. Francamente lo riteniamo ingiusto e estremamente penalizzante. Impedendo l’asporto ai bar dopo le 18 sicuramente non si risolve il problema dei contagi, anzi si sposta la “socialità” da un contesto sicuro e protetto ad uno – le abitazioni private – non controllabile».

«Chiediamo di poter lavorare. Abbiamo sempre affrontato – prosegue la presidente – con estrema serietà e senso del dovere. Abbiamo sopportato chiusure, modifiche ai nostri locali, dotazioni aggiuntive di gel disinfettanti e altri prodotti per la sanificazione, afflussi ridotti… Oggi però sta crescendo, giorno dopo giorno, il numero delle imprese che non riescono più a gestire questa situazione: l’intera categoria rischia il tracollo».