Proficuo confronto fra il Presidente della filiera sanità Massimo Pulin – accompagnato da una delegazione di imprenditori, nonché membri del direttivo – il Presidente della Provincia autonoma di Trento Massimo Fugatti e la Presidente della V Commissione permanente Alessia Ambrosi: al centro le nuove possibilità di collaborazione tra il settore pubblico e quello privato.

Un incontro che può portare a una nuova importante integrazione tra il settore privato e quello pubblico in campo sanitario. Il Presidente nazionale di Confapi Sanità Massimo Pulin, accompagnato dal vicepresidente di Confapi Sanità Veneto Lino Bruni, dal consigliere Massimo Marcon e dall’imprenditrice trentina Paola Gardumi ha incontrato il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti e la Presidente della V Commissione permanente e membro della IV Commissione welfare e sanità Alessia Ambrosi.

Nell’occasione il Presidente Fugatti, già Sottosegretario di Stato del Ministero della Salute, ha chiesto ai vertici di Confapi Sanità – Unione di Categoria che rappresenta le imprese che operano nei settori della sanità e servizi alla persona – di aprire quanto prima un tavolo di confronto che possa portare a una proficua collaborazione tra il settore pubblico e quello privato.

«Pubblico e privato possono contribuire al miglioramento della qualità dell’assistenza sanitaria ai cittadini: possono farlo portando le proprie rispettive qualità, esperienze e contributi», sottolinea il Presidente Massimo Pulin. «Nella Provincia autonoma di Trento abbiamo trovato un interlocutore disponibile e solerte. Da questo genere di collaborazioni possono venire solo progressi per la sanità, sia pubblica che privata».

«Da parte mia ho voluto organizzare con forza questo incontro che credo possa andare a reciproco vantaggio di tutti», aggiunge la Presidente Alessia Ambrosi, «offrendo opportunità di sviluppo sia a Confapi Sanità, che ancora non è radicata nel territorio trentino, sia all’insieme del nostro settore sanitario, che trova un punto di riferimento accreditato».

Nella foto, da sinistra, Paola Gardumi, Massimo Marcon, Alessia Ambrosi, Maurizio Fugatti, Massimo Pulin e Lino Bruni